Trasporto scolastico: 580.000 beneficiari per l’anno scolastico in corso (Sig. Benmoussa)

Trasporto scolastico: 580.000 beneficiari per l’anno scolastico in corso (Sig. Benmoussa)
Trasporto scolastico: 580.000 beneficiari per l’anno scolastico in corso (Sig. Benmoussa)
-

Lunedì 13 maggio 2024 alle 20:33

Rabat – Il numero di beneficiari del servizio di trasporto scolastico per l’anno scolastico 2023/2024 ha raggiunto 580.000 (di cui l’83% nelle zone rurali), con un aumento del 31% rispetto all’anno scolastico 2021/2022, ha dichiarato lunedì a Rabat, il Ministro dell’Istruzione Nazionale, della Scuola Materna e dello Sport, Chakib Benmoussa.

Il servizio di trasporto scolastico rientra nelle competenze specifiche delle prefetture e delle province, ha sottolineato il signor Benmoussa, rispondendo ad un’interrogazione orale alla Camera dei Rappresentanti sul trasporto scolastico nel mondo rurale, rilevando che, data l’importanza capitale di questo servizio, il suo dipartimento lavora per accompagnare e sostenere il suo miglioramento.

Il numero degli scuolabus ha registrato uno sviluppo significativo al punto che nell’anno scolastico in corso ha raggiunto circa 8.900 autobus, ovvero oltre il 26% rispetto alla stagione scolastica 2021/2022, ha affermato.

Questo sviluppo si spiega con gli sforzi compiuti dai consigli territoriali, dall’Iniziativa Nazionale per lo Sviluppo Umano e da altri attori e partner, ha continuato il ministro, sottolineando che il suo dipartimento aspira, entro il 2026, a raggiungere 700.000 beneficiari e 10.000 scuolabus.

Per migliorare questo servizio, il Dipartimento dell’Istruzione Nazionale sta lavorando in coordinamento con il Ministero dell’Interno per definire un piano integrato, che sarà attuato nel breve periodo e che si basa sullo sviluppo di modelli innovativi di gestione di questo servizio. servizio vitale del sistema educativo, ha osservato il funzionario governativo.

-

PREV Medici, dentisti e farmacisti | Lamentele senza risposta da anni
NEXT Sequestro di cittadini marocchini in Myanmar: apertura di un’indagine giudiziaria