La prestigiosa casa di Godinne, messa in palio per 10 euro, apparteneva davvero a Paul-Henri Spaak?

La prestigiosa casa di Godinne, messa in palio per 10 euro, apparteneva davvero a Paul-Henri Spaak?
La prestigiosa casa di Godinne, messa in palio per 10 euro, apparteneva davvero a Paul-Henri Spaak?
-

Questa settimana è stata messa in risalto una splendida residenza a Godinne. Il proprietario aveva infatti deciso di venderlo tramite una lotteria, per poi annullare poco dopo questo concorso. Ma le informazioni su questo immobile sorprendono particolarmente un membro della famiglia di Paul-Henri Spaak. Dubita dell’affermazione secondo cui l’ex ministro possedeva questa casa. Cos’è esattamente? Abbiamo effettuato l’indagine.

È una splendida casa sulle rive della Mosa. Uno spazio abitativo eccezionale di 900 mq immerso nel verde. La residenza del 1710 denominata “Le Richmond” si trova a Godinne, nella regione di Namur. Dispone di dodici camere da letto, otto bagni e dispone di una piscina su 67 acri di terreno.

L’attuale proprietario di questa prestigiosa villa ha deciso di venderla in modo insolito, attraverso una lotteria. Come molti organi di informazione abbiamo discusso di questa insolita iniziativa che suscita stupore e invidia. Gli interessati dovevano acquistare un biglietto da 10 euro e rispondere a tre domande per sperare di vincere il jackpot, questa casa da sogno.

Tuttavia, la competizione alla fine è stata annullata poiché molte persone hanno tentato la fortuna. “Ci siamo subito resi conto che le spese di registrazione e notarili rappresentavano un ostacolo per molti partecipanti.“, spiega l’organizzatore in una e-mail. “Per questo, all’inizio della settimana, ho deciso di sostenerli. Ma ormai, troppo tardi, le informazioni iniziali avevano preso il sopravvento. Oggi, purtroppo, conto tristemente che non otterrò la somma necessaria per coprire tutte le spese. Quindi ho deciso di interrompere il concorso e rimborsare tutti i biglietti“, dichiara.

Dopo averlo ristrutturato per viverci con la moglie, Valère Duchenne, la proprietaria, lo ha poi trasformato in “graziosa villetta”. Sul sito web di questa pensione è indicato che la prestigiosa villa era la proprietà di vacanza di Paul-Henri Spaak. Un’informazione ampiamente diffusa che ha visibilmente sorpreso un discendente dell’ex ministro. Ha contattato la nostra redazione per svelare il suo stupore.

Paul-Henri Spaak è davvero uno degli ex proprietari di questa casa? Questa affermazione è corretta o errata? Un dubbio si instaura.

C’è anche un affresco nella casa a riguardo.

“In realtà, quando ho acquistato la proprietà 27 anni fa, me lo hanno spiegato tutti nel comune e la gente del paese. È scritto nelle lettere comunali e nei vecchi libri”giustifica Valère Duchenne. “Così si dice nella valle. C’è anche un affresco in casa a riguardo,” assicura il proprietario, rivelando di essere stato contattato quel giorno anche da qualcuno della famiglia Spaak.

Può confermarci che sull’atto di acquisto della sua casa compare il nome dell’ex ministro? Questo documento autenticato in suo possesso dovrebbe menzionarlo. “Non so dire altro. Sono il primo a essere sorpreso da questa informazione. Non sono della regione. Sinceramente l’informazione arriva dal Comune”ha concluso, ponendo fine alla conversazione.

Rivolgiamo quindi la domanda alle autorità comunali. Innanzitutto il sindaco di Yvoir Patrick Evrard resta piuttosto evasivo. “Penso che sia proprio così, che appartenesse alla famiglia di Paul-Henri Spaak.”risponde il sindaco.

Qualcuno della famiglia Spaak potrebbe aver posseduto una casa a Godinne

L’assessore allo Stato civile e alla popolazione fornisce maggiori informazioni su questa incertezza. Etienne Defresne assicura che Paul-Henri Spaak veniva a Godinne. “In ogni caso vi fece frequenti soggiorni. È una certezza. E qualcuno della famiglia Spaak possedeva una casa a Godinne. Ma dovremmo verificare se è proprio così. In ogni caso è nelle vicinanze.”, rivela l’assessore. “Ammetto di non aver verificato queste informazioni”ammette Etienne Defresne.

I due eletti suggeriscono di rivolgersi ad uno storico amante della regione che potrebbe avere maggiori dettagli. Jacques Latour sta portando avanti una ricerca sull’evoluzione della storia di Godinne. Comincia confermando la presenza della famiglia dell’ex ministro in questa parte del comune di Yvoir. “La famiglia Spaak trascorse del tempo a Godinne prima della seconda guerra mondiale. Di sicuro. Come in molti villaggi della valle della Mosa, i ricchi si stabilirono nelle campagne e le rive della Mosa erano molto frequentate. E poiché la famiglia Spaak era una famiglia benestante, non sorprende che si stabilirono a Godinne.”stima lo storico.

Non ho una fonte valida per confermare questa voce.

Jacques Latour racconta poi a “pettegolezzo” : la famiglia Spaak avrebbe messo gli occhi su questo”magnifica proprietà unica nel suo genere.Sappiamo a Godinne che la famiglia, non dico Paul-Henri, era proprietaria di questa casa. È risaputo che apparteneva quindi ad un membro della famiglia. In seguito so che divenne una casa di riposo per anziani chiamata “Le Richmond”. Ma non ho mai consultato gli archivi catastali riguardanti questo immobile. Quindi non ho alcuna fonte valida per confermare questa voce.” ammette lo storico.

Allora come possiamo confermare queste informazioni e dissipare i dubbi? Non resta che rivolgersi alla FPS Finanze che gestisce gli archivi catastali. Secondo l’assessore Etienne Defresne, gli atti notarili risalgono a 100 anni fa. Dovrebbe quindi apparire il nome di Paul-Henri Spaak, se un giorno fosse il proprietario di questa casa…

E la voce è confermata: il nonno di Paul-Henri Spaak, di nome Charles, acquistò effettivamente la casa nel 1898! Secondo l’Archivio di Stato di Namur, quest’ultimo morì nel 1911 e un anno dopo passò la casa in comproprietà ai suoi figli. Paul Spaak, padre di Paul-Henri, vendette definitivamente la proprietà nel 1923.

richmond godinne villa casa lotteria spaak

-

PREV Val-d’Or: i costruttori mettono le mani su un terreno multi-edilizia
NEXT LIVE – Guerra in Ucraina: la Russia rivendica una nuova cattura nei pressi di Bakhmut