L’alleanza tra Disney+ e Max dimostra che ci sono troppi servizi di streaming

-

Negli Stati Uniti i gruppi Disney e Warner intendono offrire una formula unica con accesso a Disney+, Max e Hulu. L’approccio isolazionista dei brand, con un servizio per studio, sembra destinato a cambiare.

Quando Netflix abbandonò il DVD per lo streaming, l’industria dell’intrattenimento sottovalutò la rivoluzione imminente. Ha contribuito innanzitutto al successo del suo futuro rivale mettendogli a disposizione le sue produzioni, prima di iniziare a mettere in discussione questa strategia. Se milioni di persone sono disposte a pagare un abbonamento Netflix per guardare film ogni mese, perché non dovrebbero essere disposte a dare quei soldi direttamente a loro? Con un abbonamento separato?

Rapidamente, tutti furono coinvolti. Disney+, Max, Paramount+, Universal+, Peacock, Starz… I più grandi studi cinematografici del pianeta hanno lanciato servizi di streaming, sperando che gli abbonati Netflix si abbonassero a loro volta. Ai colossi dell’intrattenimento si aggiungono nuovi player come Amazon e Apple, che hanno scommesso anche sullo streaming. Insomma, per vedere tutto oggi, devi abbonarti a un sacco di cose.

A distanza di qualche anno, i risultati non sono gli stessi per tutti. Netflix indubbiamente regna in termini di numero di abbonati, mentre la pirateria è di nuovo in aumento. Gli studi stanno ora considerando una nuova strategia: vendere bundle.

Disney e Warner annunciano una fusione storica

Nell’ottobre 2023, Brian Comiskey, responsabile del monitoraggio degli sviluppi tecnologici al CES di Las Vegas, annunciò in un’intervista a Numerama che lo streaming avrebbe iniziato una rivoluzione nel 2024. Secondo lui, le fusioni tra diversi servizi erano inevitabili, colpa di troppi Servizi. Il gruppo Disney, abbastanza rapidamente, ha annunciato la fusione dei suoi due servizi di streaming, Disney+ e Hulu (da qui il nuovo logo).

In un comunicato stampa pubblicato l’8 maggio 2024, il gruppo Warner Bros.. La scoperta va ancora oltre. Quest’estate, i siti americani di Disney+ e Max, che presto sbarcheranno in Francia, proporranno dei bundle Disney+/Hulu/Max con o senza pubblicità. Il prezzo non è noto, ma segna un cambiamento importante per i consumatori. Per la prima volta, Guerre stellari E Game of Thrones coesisteranno sulla stessa piattaforma (allo stesso modo di I Simpson O Avatarderivante dall’acquisizione di Fox da parte di Disney).

type="image/avif"> type="image/webp">>>
La casa del drago dovrebbe essere disponibile su Disney+ negli Stati Uniti, con la nuova formula unica. // Fonte: HBO

La Francia, pioniere del merged streaming

E la Francia in tutto questo? Negli Stati Uniti, un “piccolo” gruppo francese è particolarmente monitorato: Canal+. Con la sua offerta Cinema/Serie che riunisce Netflix, Disney+, Apple TV+ e presto Max, i francesi hanno anticipato la tendenza anni prima di chiunque altro. Il test di Canal+ ha sicuramente avuto un ruolo nella decisione di Warner e Disney, che devono aver constatato l’efficacia di un’offerta del genere.

Chi saranno le prossime vittime della guerra dello streaming? Di fronte alla pirateria, le emittenti americane stanno preparando un’unica piattaforma per lo sport, che riunisce i diritti di tutte le piattaforme. Questi test, in caso di successo, potrebbero inaugurare una nuova era per lo streaming, con meno piattaforme (e campioni ogni mese).

type="image/avif"> type="image/webp">Fonte: Edizione Numerama>>Fonte: Edizione Numerama

Quale servizio SVOD è adatto a te?
Netflix, Disney+, Canal+, OCS: il confronto 2024 delle offerte SVOD in Francia
Scopri il nostro confronto


Vuoi sapere tutto sulla mobilità di domani, dalle auto elettriche alle e-bike? Iscriviti ora alla nostra newsletter Watt Else!

-

PREV Imbattuto in Bundesliga, il Bayer Leverkusen completa la sua stagione d’oro e “farebbe la storia”
NEXT Mustii lancia un messaggio politico nella semifinale della competizione, rivivi la sua prestazione in video