Arrestato a Neuchâtel un uomo che molestava alcune donne

Arrestato a Neuchâtel un uomo che molestava alcune donne
Arrestato a Neuchâtel un uomo che molestava alcune donne
-

Venerdì 26 aprile, all’inizio del pomeriggio, la polizia di Neuchâtel è stata contattata da un padre che ha riferito che sua figlia adolescente era seguita da un individuo nella zona della stazione CFF di Neuchâtel. Successivamente una pattuglia della polizia è riuscita a controllare e ad arrestare un uomo che corrispondeva alla descrizione fornita dalla giovane, comunica la polizia cantonale.

È stato portato alla stazione di polizia. Dagli accertamenti effettuati è emerso che l’uomo arrestato corrispondeva ad altre denunce per fatti simili, o anche più gravi. Questi elementi sono stati raccolti nell’ambito delle denunce presentate nelle scorse settimane da parte di donne vittime. L’arrestato è stato preso in custodia di polizia, quindi presentato al pubblico ministero, che ha aperto un’indagine penale contro il presunto colpevole. Lo ha messo in detenzione per alcuni giorni e ha ottenuto dal Tribunale misure alternative rigorose, alternative alla detenzione. Le indagini proseguono e sono state affidate alla polizia giudiziaria.

Il presunto colpevole è un cittadino svizzero, sulla quarantina, residente nel cantone. Il suo modus operandi consisteva nel seguire le donne a caso e poi avvicinarsi a loro con insistenza, tentando di offrire loro fiori o gioielli. In alcuni casi, ha afferrato le braccia delle vittime e ne ha persino abbracciato uno. Ad oggi, almeno cinque donne, di età compresa tra 16 e 40 anni, hanno subito le azioni del presunto colpevole e, attualmente, sono state presentate tre denunce. I fatti si sono svolti in strada, ma anche sui mezzi pubblici.

Le forze dell’ordine ricordano che è utile e necessario segnalare tempestivamente comportamenti molesti tramite il numero 117.

-

PREV Collisione tra un treno e un’auto: una madre lotta per la vita a Coteau-du-Lac
NEXT Rischi naturali: Fondazione ATTARIK lancia un progetto di sensibilizzazione nelle scuole