l’Unione Europea adotta la sua prima legislazione, escludendo lo stupro

-
>>

Manifestazione organizzata in occasione della Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, a Tolosa, il 25 novembre 2023. VALENTINO CHAPUIS/AFP

Gli Stati membri dell’Unione Europea (UE) hanno adottato martedì 7 maggio la prima legislazione europea volta a combattere la violenza contro le donne, un testo che esclude però lo stupro, a causa della mancanza di accordo su una definizione comune.

La direttiva aveva già ricevuto il via libera dal Parlamento europeo in aprile. Questa adozione formale da parte del Consiglio dell’UE (che rappresenta i Ventisette) rappresenta l’ultimo passo legislativo. Questo testo criminalizza a livello europeo la mutilazione genitale femminile, il matrimonio forzato, la condivisione non consensuale di immagini intime e persino le molestie informatiche. Stabilisce pene minime che vanno da uno a cinque anni di reclusione, a seconda del reato.

La direttiva prevede circostanze aggravanti, ad esempio quando la vittima è un figlio, oppure un coniuge o un ex coniuge, che comportano sanzioni più pesanti. Mira inoltre a facilitare la denuncia di violenza alle autorità competenti. “Questa legge garantirà, a livello comunitario, che gli autori dei reati [de violences] sarà severamente punito e che le vittime riceveranno tutto il sostegno di cui hanno bisogno”ha commentato il ministro della Giustizia belga, Paul Van Tigchelt, il cui paese detiene la presidenza del Consiglio dell’UE.

Leggi anche | Articolo riservato ai nostri abbonati Definizione di stupro: “Gli argomenti legali bizantini danno una sensazione di totale disconnessione dalla sofferenza delle vittime”

Aggiungi alle tue selezioni

Disaccordi sulla definizione di stupro

Il testo è stato oggetto di intense discussioni per mesi, in particolare sulla questione della definizione giuridica di stupro, che differisce tra i paesi dell’UE. Il progetto, presentato nel marzo 2022 dalla Commissione europea, prevedeva all’articolo 5 una definizione di stupro basata sull’assenza di consenso. Sulla stessa linea si collocano il Parlamento europeo e paesi come Belgio, Grecia, Italia, Lussemburgo e Svezia.

Ma una dozzina di Stati membri, in particolare Francia, Germania e Ungheria, si sono opposti all’inclusione dello stupro nella legislazione, ritenendo che l’UE non abbia alcuna competenza in materia e che il testo rischierebbe di essere respinto dalla giustizia europea in caso di violazione. appello.

Leggi anche | Articolo riservato ai nostri abbonati Profondi disaccordi su una definizione europea di stupro

Aggiungi alle tue selezioni

“Avremmo voluto che questa direttiva fosse un po’ più ambiziosa”, ha riconosciuto martedì la ministra spagnola per le Pari opportunità, Ana Redondo, arrivando ad un incontro a Bruxelles. Tuttavia, ritiene che questa legislazione lo sia “un buon punto di partenza”. I paesi membri avranno tre anni per recepire la direttiva nella legislazione nazionale.

Il mondo con l’AFP

Riutilizza questo contenuto

-

PREV Temperature previste per domenica 19 maggio 2024
NEXT Imbattuto in Bundesliga, il Bayer Leverkusen completa la sua stagione d’oro e “farebbe la storia”