Presidente dell’Udc condannato per certificati Covid falsi

Presidente dell’Udc condannato per certificati Covid falsi
Presidente dell’Udc condannato per certificati Covid falsi
-

Il tribunale penale della Broye e del Nord del Vaud ha condannato ieri Christophe Loperetti a 15 mesi di reclusione con 2 anni con sospensione della pena per falsificazione di titoli. Il presidente dell’Udc di Yverdon (VD) è stato giudicato colpevole di traffico di certificati Covid falsi.

Nel 2022 la polizia scoprì che aveva rivenduto 49 abbonamenti Covid falsi acquistati in Francia per una cifra compresa tra 350 e 450 franchi ciascuno. Secondo il procuratore Christian Maire, questo traffico aveva permesso “ai beneficiari di questi falsi titoli, non vaccinati, di ottenere illecitamente i vantaggi legati al possesso di tale documento”, si legge in “24 Heures”. Ha chiesto una pena detentiva di 19 mesi con sospensione della pena per 3 anni.

L’imputato, che è consigliere comunale, ha tentato di dire di aver agito in questo modo per lottare contro la discriminazione che colpisce le persone non vaccinate, mentre il tribunale ha propenso all’arricchimento personale. Il giudice non ha seguito nemmeno l’avvocato di Christophe Loperetti, che ha denunciato molestie nei confronti del suo assistito, “perché è un politico inquietante, perché è amico di un piantagrane dell’Udc”. Si riferiva al suo compagno di stanza Ruben Ramchurn, che si era opposto all’ordine penale accusandolo di aver partecipato a questo traffico di certificati falsi.

Lo stesso giorno anche Christophe Loperetti è stato condannato a 60 giorni di multa per guida in stato di ebbrezza e a 30 giorni di multa per maltrattamenti su animali. Aveva recuperato due cavalli destinati alla macelleria, ma dovettero essere soppressi per mancanza di cure.

Il condannato ha presentato ricorso.

-

PREV L’autista si schianta contro il cancello della Casa Bianca e si uccide
NEXT 10 attività per ridurre il livello di stress