Bassirou Diomaye Faye fa una visita improvvisata a Mbour 4 (video)

Bassirou Diomaye Faye fa una visita improvvisata a Mbour 4 (video)
Bassirou Diomaye Faye fa una visita improvvisata a Mbour 4 (video)
-

Sidy Mohammed

1 maggio 2024 alle 12:26

Questo 1 maggio 2024, il Presidente della Repubblica, Bassirou Diomaye Faye, ha effettuato questa mattina una visita inaspettata a Mbour 4 nella regione di Thiès, subito dopo il suo ritorno da una visita ufficiale in Guinea-Bissau. Questo approccio, senza preavviso, ha colto di sorpresa le autorità locali e la stampa.

Al suo arrivo a Mbour 4, il presidente Faye è stato accolto dalle autorità amministrative e locali. La visita si svolge in un contesto particolare legato alla gestione del territorio del Paese, tema delicato e attuale. Il settore Mbour 4, infatti, è stato recentemente al centro dei dibattiti dopo che la Direzione di sorveglianza e controllo dell’uso del territorio (Dscos) ha demolito numerose unità abitative ritenute irregolari, perché invadevano una foresta classificata.

Durante una precedente visita a Thiès, l’ex presidente ha reagito alle preoccupazioni dei residenti decidendo di declassificare una parte della foresta per regolarizzare la situazione. Questa misura mirava a fornire una soluzione al persistente conflitto fondiario in questa regione. Inoltre, il collettivo Mbour 4 Authentic, che riunisce i proprietari interessati dalle demolizioni, ha chiesto nell’aprile 2024 l’intervento delle nuove autorità per una risoluzione definitiva di queste problematiche che durano da quasi vent’anni.

La gestione dei conflitti territoriali non si limita a Mbour 4, come dimostra una recente decisione del presidente che ha ordinato la cessazione di tutti i lavori in corso sulla costa di Dakar. Queste azioni dimostrano l’impegno del Capo dello Stato nell’affrontare le questioni legate alla terra che colpiscono molte località in tutto il Senegal.

-

PREV Eredi Mulliez, proprietario del gruppo Auchan, rinviati a giudizio per frode fiscale
NEXT Il Brasile rende omaggio ad Ayrton Senna, a 30 anni dalla sua morte