Petit Biscuit reagisce ai commenti sulla sua impressionante trasformazione fisica

Petit Biscuit reagisce ai commenti sulla sua impressionante trasformazione fisica
Petit Biscuit reagisce ai commenti sulla sua impressionante trasformazione fisica
-
Montaggio Instagram di Purecharts Bestimage

Photo credits: Montage Purecharts Bestimage Instagram Alimentato nel 2015 dalla hit “Sunset Lover”, che conta 823 milioni di stream su Spotify, Petit Biscuit da allora ha fatto molta strada, esibendosi in concerti in tutto il mondo e pubblicando tre album, tra cui l’ultimo “ Disciplina” è appena uscito. “‘Disciplina’ riassume davvero il mio cambiamento di stile di vita. (…) Mi sono reso conto che il mio stile di vita non era così sano. Ero così di fretta che non avevo prospettiva, volevo cambiare la situazione. Sono andato in palestra con alcuni amici e abbiamo continuato. Ho cambiato la mia dieta, il mio sonno” confida a Purecharts l’interprete di “You Don’t Ignore (Too Late)”, lui che ha presentato sui social la sua trasformazione fisica. “In effetti, pubblico la mia vita sulle reti. Non pubblico solo musica, ma anche cose che sono un po’ più di stile di vita… non pensavo che avrebbe avuto così tanta reazione. Sarà passato ormai un anno, ripensandoci, mi rendo conto che le trasformazioni fisiche hanno sempre suscitato molta curiosità. Penso che sia fantastico”, spiega Petit Biscuit un’intervista da pubblicare.

“La “Grande Torta” non mi fa necessariamente ridere”

Sul suo account Instagram non si contano più i commenti esilaranti o maliziosi in riferimento al suo corpo muscoloso che mostra regolarmente in foto o video che rivelano i suoi allenamenti intensivi in ​​palestra. L’artista ha appena girato un format video con il media Jack in cui parla della creazione del suo nuovo album “Discipline” nel bel mezzo di una sessione di bodybuilding. “Ci gioco?” Forse…

Clicca qui per vedere di più

Leggi anche:

Petit Biscuit: ritorno luminoso con “You Don’t…”
Petit Biscuit in intervista per “Parachute”
Petit Biscuit: nuovo album il 30 ottobre

-

PREV “Palestine From The Seine To The Jordan”: quando 20 rapper francesi pubblicano una traccia anti-RN che trabocca
NEXT “Non possiamo più spostarlo”