Compiègne. Samluxe, rapper di Compiègne ed ex cantante dei Little alla Croix de bois

Compiègne. Samluxe, rapper di Compiègne ed ex cantante dei Little alla Croix de bois
Compiègne. Samluxe, rapper di Compiègne ed ex cantante dei Little alla Croix de bois
-
Samuel, conosciuto come Samluxe, vuole farsi un nome nel rap. Foto: Samluxe

Samluxe17 anni, vuole farsi un nome nel rap. Vivere in Compiègne dal 2019 ha sempre “fatto musica”, a partire dagli 8 o 9 anni circa. Suo padre Gérard Jean gli promise allora di aiutarlo nel suo progetto, vedendo il suo potenziale.

Mentre frequentava la scuola a Compiégnois, partì per Autun, in Borgogna, per unirsi alla scuola di canto dei Petits Chanteurs à la Croix de Bois, un coro professionale di fama mondiale.

Per tre anni ha acquisito una solida preparazione in materia: formazione musicale, esibizioni su palchi come il Palais des sports di Marsiglia, promozione di un disco e intervista a Michel Drucker.

Durante la sua infanzia, Samluxe ha avuto difficoltà a causa del disturbo bipolare di sua madre. “Con eventi gravi come, ad esempio, dormire per strada per diverse settimane”, dice. La musica urbana, in particolare il rap, gli ha permesso di evadere e sognare. Ha composto centinaia di “prod” attualmente non sfruttati.

Un artista indipendente

“Stavo già facendo il mio rap”, ricorda il musicista. Nella sua stanza, Samuel compone “melodie che ti entrano in testa”. Versatile, si presenta come completamente autonomo: testi, beatmaking, mixaggio dei suoi pezzi, interpretazione e montaggio di clip. Ma è consapevole dei progressi ancora da fare.

Dopo il suo percorso con i Petits Chanteurs à la Croix de Bois, Samluxe è tornato a Compiégnois, frequentando i licei Compiégnois di Pierre-d’Ailly e Mireille-Grenet.

Da allora, per quanto riguarda la musica, ha pubblicato una decina di brani su YouTube. Alcuni hanno meno di mille visualizzazioni, ma altri ne hanno 15.000, come Protéger, il cui clip è in parte girato a Compiègne. “Non ho ancora avviato una campagna di comunicazione, ma ha avuto successo a livello locale”, osserva.

“Schiva le cose brutte”

È più su reti come Instagram, TikTok, ecc. che il rapper Samluxe cerca di ottenere visibilità. “In effetti, non canto necessariamente rap duro”, spiega. Racconto piuttosto una certa forma di violenza subita, a causa del danno del bipolarismo di una persona cara e della strada. Ora guardo e osservo intorno a me con l’idea di evitare cose cattive e cattive influenze e mostrare ciò che vedo da tutto ciò”.

Conclude: “Il mio obiettivo è toccare le persone attraverso la mia musica per condividere con loro le mie emozioni e i miei pensieri e, spero, toccare i cuori. E invitali a fare il viaggio con me”.

-

NEXT Uno spettatore sporge denuncia contro Madonna per “pornografia”