La ballata di Clarika

La ballata di Clarika
La ballata di Clarika
-

30 anni di carriera

“Questo album corrisponde a un momento della mia vita ma non ho cercato di fare un bilancio. È il presente che ho messo nell’album. Inoltre, dico sempre che sono un artista nello sviluppo sostenibile perché la gente sta ancora scoprendo io oggi. Ho un pubblico di genitori, che vengono a trovarmi con i loro figli, che vengono a trovarmi a turno… Mi stupisce che siano passati 30 anni, ma vedo il bicchiere pieno perché non ci sono più attraverso tante onde, il mondo della musica è cambiato molto: vendiamo più dischi, esistiamo in modo diverso, ma ho la fortuna di avere questo ancoraggio di persone che mi seguono “.

Cinema che canta Ascolta più tardi

Lettura Ascoltare 52 minuti

Dalla scrittura alla composizione

“Non mi ero mai occupato della composizione perché ero circondato da compositori di talento. Durante il parto volevo conoscere meglio le mie canzoni, la loro armonia. E poi, per caso, ho creato la melodia di “Missing Someone Somewhere”. Jacques Nyssen per la sua opinione, che mi ha incoraggiato in questa direzione. Poi la diga si è rotta e ho composto dieci canzoni.

Mela – “Jun Perseides”

“È un’artista giovane che mi ha colpito per la sua sicurezza. Non si è sottomessa a nessun diktat di stile del momento e crea canzone pura. Mi toccano molto le voci in generale e la sua mi tocca molto. Ha una voce sensibile , un po’ graffiante. Scrive canzoni molto carine, segue la sua strada, ascolta solo se stessa e ha ragione.

Amore per il palcoscenico

“È il palco che mi galvanizza. In concerto ci sono canzoni che suono sempre perché al pubblico piace ritrovarle e altre che tiro fuori dall’armadio per farle rivivere. Le rielaboriamo, certo, ma io non dimenticare i testi. Siamo in pieno svolgimento, la première arriverà presto, stiamo scegliendo l’ordine delle canzoni, stiamo pensando all’atmosfera che la sequenza potrà creare offrire ciò che vogliamo al pubblico.”

Balla di nuovo

“C’è ovviamente un’allusione alla carriera trentennale, ma mi sono anche reso conto che in questo album c’era molto ballo. Dico che preferisco la vita nel canto perché il canto permette tutto. Ti permette di raccontare storie, ti rende triste, ti rende felice, ti rende bello. Farei fatica a vivere senza canzoni. Abbiamo sempre cantato molto in casa, siamo una famiglia dove cantare era un modo per condividere momenti.”

Per visualizzare questo contenuto di Youtube, devi accettare i cookie Annuncio.

Questi cookie consentono ai nostri partner di offrirti pubblicità e contenuti personalizzati in base alla tua navigazione, al tuo profilo e ai tuoi interessi.

Gestisci le mie scelte Autorizzo

“Madame Sogno” – Alain Bashung

“Ho scelto questa canzone perché mi piacciono piuttosto le canzoni realistiche ma Bashung ha una poesia un po’ surrealista che mi tocca, mentre sarei più attratto da una canzone più narrativa. È vero che Bashung è un esempio controcorrente. Ci metto la mia energia le sue canzoni e mi sono lasciato trasportare.”

Lato del club Ascolta più tardi

Lettura Ascoltare 54 minuti

Trova ispirazione

“Le mie canzoni iniziano con il testo prima di affidarle ai compositori. A volte ci sono stati incidenti lungo il percorso, in cui mi è stata data una melodia su cui ho scritto un testo. Quando inizio a scrivere, devo fare proprio questo, Per concentrarmi, seduto alla scrivania con il computer, c’è sempre un momento di vagabondaggio e secondo me, più scrivi, più è difficile perché devi trovare qualcosa di nuovo da dire , non abbiamo più paura.”

Prendi l’onda

«Quando ho iniziato c’erano generalmente donne che cantavano parole maschili, mentre oggi molte donne scrivono e cantano. Ero all’inizio di un’onda”.

Un album tributo

*”La canzone “*Quel giorno (17 ottobre 61)” è un omaggio agli algerini annegati nella Senna. È un fatto storico tragico, sono venuto a parlarne perché ho un amico algerino che ogni anno si reca al ponte Saint-Michel per ricordare questo evento. Ho provato a raccontare questa storia senza pathos inutile. Ho dovuto fare molte ricerche per poterne ricavare una canzone, per sapere davvero cosa fosse successo.”

Meryl – “Ultima fermata”

“Sono andato alla ricerca di cose che non sapevo. La forma non è nei miei codici quindi mi interessava il testo. È scritto davvero bene, il fraseggio è fantastico, volevo che lo riascoltassimo.”

La playlist di Clarika

  • Apple, “Jun persedes”
  • Alain Bashung, “Madame Rêve”
  • Renaud, “La pesca con l’amo”
  • Bonnie Banana, “Francamente”
  • Yamê, “Becane”
  • Meryl, “Ultima fermata”

Per seguire il nostro ospite

Nuovo album disponibile: Balla di nuovo
Clarika in concerto: il 16 maggio a Hérouville-Saint-Clair, il 5 giugno alla Nouvelle Eve (Parigi) e il 26 novembre a La Cigale (Parigi).

-

PREV Flotteurs FM, 40 anni di fedeltà a Clamecy e Vaux d’Yonne
NEXT Una foto che riunisce tutti i leader delle etichette HYBE attira l’attenzione degli internauti