Sainte-Croix, la piccola città di carattere

Sainte-Croix, la piccola città di carattere
Sainte-Croix, la piccola città di carattere
-

l’essenziale
distinzione. Ora è ufficiale. Il borgo di 760 anime ha appena ottenuto il label “Piccole città di carattere”. Una prima volta per il West Aveyron.

Bbenvenuti nella famiglia delle piccole città con carattere.” Jean-Pierre Le Floch, presidente delle Petites Cités de Character d’Occitanie, ha appena annunciato questa buona notizia agli eletti di Sainte-Croix. Il comune occidentale dell’Aveyron diventa così la sesta cittadina di carattere dell’Aveyron e desidera posizionarsi come una delle destinazioni essenziali della regione.

“Più visibilità e attrattività”

Gennaio 2023. Gli eletti di Sainte-Croix iniziano il processo per ottenere il marchio “Piccole città di carattere”. Questo riconoscimento nazionale mira, tra l’altro, a evidenziare la diversità e l’autenticità del patrimonio dei comuni con meno di 6.000 abitanti con edifici architettonici di qualità. Con la sua chiesa fortificata dichiarata Monumento Storico nel 1931, il villaggio circolare, rimasto sempre nel suo stato originale con le sue strade che si intersecano e si incrociano, nasconde numerosi tesori e può logicamente rivendicare questa distinzione. Quasi 18 mesi dopo, dopo un lavoro a lungo termine, gli eletti di Sainte-Croix raggiungono i loro obiettivi: fare della città la prima città di carattere dell’Aveyron occidentale. “L’obiettivo è avere più visibilità e attrattività a livello turistico, ma anche attrarre nuovi abitanti ” confida il sindaco Isabelle Laschon.

patrimonio evidenziato

Per ottenere questo prezioso riconoscimento il Comune è particolarmente impegnato nella valorizzazione del proprio patrimonio. Così, l’ex guida turistica Régine Calvet, primo vicesindaco, si è concentrata sull’aspetto storico e patrimoniale. Sono stati individuati una decina di punti di interesse del villaggio (la chiesa e la sua torre rotonda, la strada acciottolata, l’antico priorato di Cluny, ecc.) con l’installazione di segnaletica che consente ai visitatori, attraverso un percorso segnalato, di immergersi il passato. Sui muri del paese sono state appese anche vecchie cartoline risalenti agli inizi del ‘900 riprodotte in grande formato ed è stato pubblicato un libro che ripercorre la storia del paese. Ricerche meticolose da parte dell’ex guida turistica, che hanno portato ad una sorprendente scoperta riguardante le vetrate della chiesa. Un rinomato artista del vetro colorato, Richard Burgsthal, diede il suo contributo all’edificio nel 1934 (vedere il riquadro a fianco).

Diventa una tappa essenziale

Per diventare una tappa imprescindibile nel West Aveyron, è stata posta una forte enfasi sull’accoglienza del pubblico, come la creazione di un punto informativo (di fronte al municipio) che sarà accessibile ai visitatori 7 giorni su 7 e a qualsiasi ora della giornata. Non mancherà ovviamente una brochure (piano di visita) che evochi i diversi punti di interesse del patrimonio e della vita odierna (punto multiservizi, ristorante, giardino condiviso, ecc.), così come le numerose escursioni da realizzare nei dintorni. Durante il periodo estivo verranno proposte anche due visite guidate, guidate dalla guida turistica Ludovic Lemercier*. Un’anteprima per i visitatori prima dell’introduzione delle audioguide in autunno, in collaborazione con l’ufficio turistico. Infine, lo spazio pubblico è stato rinverdito per valorizzare il patrimonio e rendere la città più piacevole per i turisti e i suoi abitanti.

Inaugurazione dopo l’estate

Già, anche se non è stata ancora fissata una data, l’inaugurazione della label è prevista per la fine del periodo estivo. Sotto quello che indica l’ingresso al villaggio sarà posto un cartello “Piccola città di carattere”.

.

Chiesa fortificata: alla costruzione diede il suo contributo un rinomato maestro vetraio

* Visite guidate gratuite del paese e della sua chiesa fortificata sabato 27 luglio alle 10:30 e sabato 10 agosto alle 10:30.

-

PREV Un rossonero pedinato da un club della Bundesliga!
NEXT Braque, Marquet, Chabaud… Una collezione di quadri moderni venduta all’asta a Nîmes il 1° agosto