L’epoca d’oro della grande piscina di Casablanca

L’epoca d’oro della grande piscina di Casablanca
L’epoca d’oro della grande piscina di Casablanca
-
Non appena le previsioni del tempo sono sotto i migliori auspici, vale a dire non appena ritornano le giornate soleggiate, con l’inizio della stagione estiva, la nuova piscina di Rabat inizia a registrare una media di 9.000 visitatori estivi, principalmente provenienti da capitale amministrativa ma anche dai quattro angoli del Regno.

Inaugurata nel 2019, chiusa in piena crisi Covid e riaperta nel 2023, questa piscina è inizialmente riservata al pubblico indigeno della capitale ma l’accesso è consentito anche ai cittadini marocchini provenienti da altre città del Regno. I suoi quattro bacini sono alimentati con acqua di mare, offrendo uno spettacolo degno di questo nome. In poco tempo questa piscina è diventata un’ambita meta di vacanze grazie alle sue attrazioni, ma anche e soprattutto alla sua posizione, alle sue attrezzature, al suo personale e alla qualità della sua gestione.

Da notare inoltre che questa grande piscina, come si legge nei documenti resi pubblici dall’Ufficio Nazionale del Turismo marocchino, è stata progettata nel totale rispetto dell’ambiente e dell’ecosistema. Per questo le acque delle sue quattro piscine, che provengono direttamente dall’Oceano Atlantico, vengono quotidianamente esaminate attentamente e purificate fino alla goccia per tutelare la salute e l’igiene dei bagnanti qui e all’estero. Inoltre, tutte le strutture, comprese le cabine doccia, i servizi igienici, i pavimenti e le aree verdi, vengono regolarmente mantenute e pulite utilizzando prodotti adeguati.

Allo stesso tempo, i responsabili del centro hanno dimostrato, negli ultimi anni, una professionalità senza pari e hanno elogiato, all’unisono, il ruolo cruciale svolto dalla Sicurezza Nazionale, dalla Protezione Civile, dai servizi sanitari e dalle Forze Ausiliari per garantire la tranquillità e la sicurezza degli utenti di questa piscina.

Pertanto, durante la stagione estiva, il centro impiega un centinaio di bagnini, quasi un centinaio di guardie giurate e una cinquantina di addetti alle pulizie.

Ricordiamo che l’estate scorsa questo centro ricreativo e sportivo si è trasformato nel luogo preferito dai bambini dei campi estivi della regione di Rabat e anche altrove.

Situata nel quartiere di Yaâcoub El Mansour e lungo la costa atlantica, questa immensa piscina che si estende su 17.000 m2 è aperta al pubblico tutti i giorni dalle 9:30 alle 20:00 durante la stagione estiva. I biglietti d’ingresso costano 10 dirham per gli adulti e 6 dirham per i bambini sopra i 7 anni.

-

PREV È morto il giudice Donald J. LeBlanc, del tribunale provinciale del New Brunswick
NEXT “Avere problemi di stato civile a 64 anni dall’indipendenza non è normale! »