Parete. “Dallo stadio al lavoro”: un metodo di reclutamento originale

Parete. “Dallo stadio al lavoro”: un metodo di reclutamento originale
Parete. “Dallo stadio al lavoro”: un metodo di reclutamento originale
-

l’essenziale
“Dallo stadio al lavoro”; una sfida originale dove, in forma anonima, recruiter e cercatori di lavoro si sono incontrati durante laboratori sportivi e divertenti.

La formula di reclutamento è originale. Invece di accogliere le persone in cerca di lavoro nella sua agenzia di Muret e Portet-sur-Garonne, France Travail ha organizzato ieri allo stadio Colette-Besson l’operazione “dallo stadio all’occupazione”; la seconda iniziativa di questo genere che ha riscosso ancora una volta un grande successo. Con l’aiuto della Lega d’atletica occitana diretta da Eric Albert, del Muret Athletique presieduto da Janine Courtade e del comitato organizzatore dei Giochi Olimpici e Paraolimpici.

Durante la mattinata, una ventina di datori di lavoro anonimi della zona di Muretain si sono incontrati con 90 persone in cerca di lavoro durante laboratori sportivi divertenti e conviviali. Un periodo durante il quale candidati e datori di lavoro si scoprono a vicenda in modo diverso. “Un modo per rompere i tradizionali codici di reclutamento con il CV e il colloquio formale” sottolineano Krouk Anouar, capo dell’agenzia France Travail Muret e la sua collega di Portet Celine Laborie-Fulchic.

Ancora senza sapere “chi è chi”, gli scambi continuano attorno a un pasto. All’inizio del pomeriggio i reclutatori si presentano ai partecipanti. Nella maggior parte dei casi questo è l’effetto sorpresa. Davanti alla piattaforma dove si riuniscono le persone in cerca di lavoro, i rappresentanti delle aziende presentano le loro esigenze di reclutamento.

L’offerta è ampia e variegata. Dai camionisti alle professioni dei servizi e agli addetti alla ristorazione; nella prima infanzia; nei servizi sanitari e ospedalieri; lavoro temporaneo…

Incontri di lavoro nel pomeriggio

Vengono offerti tutti i tipi di professioni. “Cerchiamo persone motivate”, spiega un dirigente di Edenis. Un altro datore di lavoro aggiunge: “Cerchiamo capacità interpersonali; il know-how è il nostro lavoro”. Perché spesso alle offerte si accompagna la formazione. “Grazie alle aziende. Hanno bisogno di dimostrare la vostra motivazione durante gli incontri di lavoro”, indica il team di France Travail. Louise, responsabile del reclutamento di Transved, è soddisfatta del successo di questa sfida in cui la coesione era la parola chiave. Camille, una giovane donna di 33 anni, sta cercando lavoro ed è coinvolta in questo appuntamento lavorativo. “Ho ascoltato con interesse le diverse proposte e scoperto le diverse proposte ho individuato due o tre offerte che potevano fare al caso mio”, racconta.

“Non imporvi barriere, lasciatevi andare”, motiva il direttore di France Travail.

-

PREV Festimômes riunisce i centri ricreativi di Beauvais
NEXT Bituniyata resta ancora un anno