eletta nella 2a circoscrizione elettorale, Delphine Batho in otto date chiave

eletta nella 2a circoscrizione elettorale, Delphine Batho in otto date chiave
eletta nella 2a circoscrizione elettorale, Delphine Batho in otto date chiave
-

Rieletta deputata nella seconda circoscrizione elettorale di Deux-Sèvres la sera di domenica 7 luglio 2024, Delphine Batho è nata il 23 marzo 1973 nel 12e quartiere di Parigi.

17 giugno 2007: in un territorio ancorato a sinistra dopo quattro mandati di Ségolène Royal ma che ha subito una riorganizzazione distrettuale, Delphine Batho ha ottenuto la prima delle sue cinque vittorie alle elezioni legislative. Seguiranno, quindi, il 2012, 2017, 2022 e 2024.

21 giugno 2012: sotto la presidenza di François Hollande, è stata nominata, nel secondo governo di Jean-Marc Ayrault, ministro dell’Ecologia, dello Sviluppo Sostenibile e dell’Energia. Jean-Luc Drapeau subentra.

2 luglio 2013: è stata esclusa dal governo dopo aver criticato pubblicamente la riduzione del bilancio del suo ministero, una mancanza di ambizione ai suoi occhi. Ne trae un libro, Insubordinato.

Tra le estati del 2012 e del 2013, Delphine Batho è stata inquilina dell’hotel Roquelaure, che ospita l’ufficio del Ministero dell’Ecologia.
© (Archivio fotografico NR, Éric Pollet)

19 marzo 2015 : il deputato ha adottato dall’Assemblea nazionale e con Gérard Bapt, un emendamento alla legge sulla biodiversità che vieta i neonicotinoidi, pesticidi che uccidono le api, del 2016.

2 maggio 2018: Delphine Batho annuncia che lascerà il Partito Socialista dopo ventiquattro anni di adesione e, contemporaneamente, il gruppo Nuova Sinistra dell’emiciclo di cui è stata vicepresidente: ne diventa presidente Di Ecologia della generazione.

28 ottobre 2020: l’ex ministro ha finito per sbattere la porta agli organismi che controllano il protocollo d’intesa per la costruzione di sedici bacini a sud di Deux-Sèvres. Perché, in particolare, noi “trascinava i piedi” per definire l’indennizzo che gli agricoltori dovevano versare.

11 ottobre 2023: il responsabile di Generazione Ecologia decide di ritirarsi da Nupes fintantoché Jean-Luc Mélenchon rimarrà membro. In questione, il rifiuto del fondatore di La France insoumise di qualificare come terrorista l’attentato perpetrato il 7 ottobre da Hamas ai danni di Israele.

-

PREV L’antisemitismo mina la vita di 8 ebrei su 10 in Belgio
NEXT Concerto dell’Orchestra Nazionale dell’Ile-de-France