Donna della Columbia Britannica che si è recata in Siria “accusata di terrorismo” dall’RCMP

Donna della Columbia Britannica che si è recata in Siria “accusata di terrorismo” dall’RCMP
Donna della Columbia Britannica che si è recata in Siria “accusata di terrorismo” dall’RCMP
-

Stai navigando nel sito web di Radio-Canada

Vai al contenuto principaleVai al piè di paginaAiuto alla navigazione Inizio del contenuto principale

CommentiAccedi alla sezione commenti

Apri in modalità a schermo intero

Kimberly Polman, che ha lasciato il Canada per la Siria nel 2015, è stata rimpatriata nel 2022.

Foto: (Il ritorno: la vita dopo l’ISIS)

Radio-Canada

Pubblicato ieri alle 20:46 EDT

La Royal Canadian Mounted Police afferma di aver presentato accuse di terrorismo contro una donna di 51 anni che si era recata in Siria nel 2015.

Kimberly Polman, residente a Squamish, deve affrontare due accuse, tra cui quella di aver lasciato il Canada per partecipare all’attività di un gruppo terroristico (articolo 83.181 c.p.) e di avervi partecipato all’attività di un gruppo terroristico (articolo 83.18 del codice penale), precisa il GRC.

Le accuse sono state mosse contro la signora Polman nell’ambito di un’indagine penale in corso sulle accuse secondo cui nel 2015 la donna avrebbe lasciato il Canada per recarsi in Siria e unirsi alle fila dello Stato islamico in Iraq e Siria.

Una citazione da Estratto dal comunicato stampa dell’RCMP

Il successo di questa indagine è direttamente attribuibile al lavoro dei nostri investigatori dedicati e alla forza delle nostre partnership con la polizia e i servizi di intelligence.ha affermato il sovrintendente Jag Dhot della squadra di sicurezza nazionale integrata (INSET).

Dal rimpatrio dell’imputato nel 2022, alla sua liberazione durante le indagini degli agenti dell’EISN della Polizia Federale della Regione del Pacifico del GRC era stato sottoposto a diverse condizioni.

Una delle condizioni glielo imponeva non turbare l’ordine pubblico in relazione ad un’attività terroristica”,”text”:”non turbare l’ordine pubblico in relazione ad un’attività terroristica”}}”>non turbare l’ordine pubblico in relazione ad attività terroristiche. Non le era permesso contattare le persone presenti in una lista specifica, compreso suo marito.

La signora Polman è tornata in Canada con Oumaima Chouay, che da allora vive in Quebec e dal 2022 è anch’essa accusata di terrorismo.

In collaborazione con i suoi partner canadesi e internazionali, the GRC resta impegnato nella lotta all’estremismo violento in Canada e all’estero.

Una citazione da Estratto dal comunicato stampa dell’RCMP

La prossima udienza di Kimberly Polman avrà luogo il 2 agosto 2024 presso il tribunale provinciale di Vancouver.

Commenti Commenti

Newsletter QUI Columbia Britannica

Una volta al giorno, ricevi le notizie regionali essenziali.

-

PREV Per Flavie Estel, coltivatrice di piante aromatiche e medicinali: “Solidarietà e mutuo aiuto sono promettenti”
NEXT Concerto dell’Orchestra Nazionale dell’Ile-de-France