Risultati e prospettive per la pallamano Grande Poitiers

Risultati e prospettive per la pallamano Grande Poitiers
Risultati e prospettive per la pallamano Grande Poitiers
-

La stagione di pallamano del Grand Poitiers si è conclusa con una sconfitta per la squadra maschile contro il Saran in N1M (31-35) e un 9e ultimo posto in palio. Poco prima la Riserva aveva assicurato la sua adesione alla N3, proprio come la C in Regione Eccellenza. Per quanto riguarda le donne, dopo aver sfiorato la scalata alla N2, hanno perso due volte contro l’Aunis-La Rochelle durante le partite di classifica e sono arrivate 4e nel territorio N3. L’occasione per fare il punto, attraverso diversi temi, sulle novità del club con il presidente Régis Debare.

Nazionale 1 Maschile

“La squadra è al suo posto. Molti infortuni ci hanno handicappato. Penso in particolare a quello di Mathieu Diaz o al nostro mancino Anzilani Houssein. Si è reso necessario cambiare portiere anche dopo i problemi fisici di Alexandre Ribeiro che è stato sostituito da Maximiliano Soliani. Senza queste assenze avremmo potuto puntare alla top 5”.

Léo Godineau e Grand Poitiers hanno concluso al 9° posto nella N1M.
© (Foto cor. NR-CP, Sébastien Grégoire)

Nuovo allenatore

“La decisione di smettere con Benoît Juin dopo tre anni non è stata facile da prendere. Ma io e lui abbiamo capito che sarebbe stato complicato proseguire. C’era stanchezza tra alcuni giocatori. Trovare il suo successore alla guida della squadra di bandiera maschile non è stato facile. Cercavo il profilo di un ex giocatore di alto livello, capace di portare competenze tecniche, rete e capacità di far progredire i giovani. Ciò corrisponde alle qualità e alla filosofia di Romain Guillard (fino ad allora vice allenatore del Caen in Proligue, sarà impegnato per le prossime due stagioni). Individua alcune potenzialità all’interno dei centri di formazione che non superano la soglia del contratto professionale. »

Romain Guillard, il nuovo allenatore del Grand Poitiers.
© (Foto cor. NR-CP, Sébastien Grégoire)

“Il nostro sviluppo economico non può realizzarsi in una stanza che non è la nostra”

Nazionale 1 Elite

“Per quanto riguarda il progetto di presentazione della nostra candidatura per fondare la Nationale 1 Elite (3e livello francese), abbiamo incontrato i rappresentanti della conurbazione di Grand Poitiers. Il dossier è nelle mani di Charles Reverchon-Billot (vicepresidente di Grand Poitiers responsabile degli eventi sportivi e dello sport di alto livello). Se vogliamo passare alla N1 Elite, deve essere finanziariamente sereno. È un progetto per i prossimi due o tre anni”.

Grand Poitiers ha l’ambizione di tornare nella N1 Elite in futuro.
© (Foto cor. NR-CP, Sébastien Grégoire)

Prenazionale maschile

“L’obiettivo era aumentare le nostre due riserve. Ci siamo riusciti poiché B ha raggiunto N3 vincendo il titolo regionale e C ha vinto Eccellenza regionale. Questo ci permette di attrarre altri giocatori e di ridurre il divario tra le nostre squadre maschili. »

I riservisti della pallamano Grand Poitiers giocheranno in N3 la prossima stagione.
© (Archivio fotografico cor. NR-CP, Sébastien Grégoire)

Nazionale 3 Donne

“Le ragazze non sono riuscite a raggiungere la N2 nell’ultima partita dei play-off. È una delusione. Non sul comportamento e sulle prestazioni dei nostri giocatori. Peccato, invece, che il primo posto ottenuto al termine della fase regolare non venga premiato con una rimonta. Romain Etcheverry, l’allenatore, ha fatto un ottimo lavoro. Nel complesso, sono soddisfatto dei nostri risultati. »

Dopo un’ottima stagione, le donne del Grand Poitiers hanno perso contro il Mont-de-Marsan la partita che non avrebbero dovuto perdere con l’obiettivo di raggiungere la N2.
© (Foto cor. NR-CP, Sébastien Grégoire)

Bilancio

“Questa stagione sono stati 450.000 euro. Sarà stabile per il prossimo esercizio con la volontà di aumentarlo a 500.000 euro se si passa alla Nazionale 1 Elite. »

Régis Debare, presidente della Grand Poitiers Handball, punta su finanze sane.
© (Foto cor. NR-CP, Sébastien Grégoire)

Camere

“Giocheremo una partita di gala, in preparazione, il 31 agosto all’Arena Futuroscope contro il Saint-Cyr. Questo incontro aprirà il sipario al Trofeo dei Campioni (vincitore del campionato contro quello della Coupe de France). Questo sarà un grande evento. Venerdì sera il Futuroscope ospiterà i Trofei NHL (National Handball League). Gli omaggi saranno pagati a Patrice Cannayer (l’allenatore del Montpellier che concluderà la sua carriera a fine stagione) e Nicolas Karabatic (che concluderà anche la sua carriera da giocatore). Per quanto riguarda le altre sale, ci siamo incontrati con i rappresentanti dell’area metropolitana di Grande Poitiers per valutare il costo dei lavori presso la palestra Bois d’Amour. Se vogliamo giocare un ruolo da protagonisti nella N1 Elite, come intendo fare entro tre o quattro anni, dobbiamo migliorare le condizioni di accoglienza del pubblico in questa palestra. Per il Saint-Eloi, vogliamo comunque giocarvi la metà delle partite casalinghe, ovvero cinque o sei partite, a seconda di quelle del Poitiers Basket 86. Lo sviluppo economico della pallamano del Grand Poitiers non avviene tuttavia in uno stadio che non no, non è suo. Ma a decidere saranno anche i risultati. »

Yohan Bourgeuil e Grand Poitiers torneranno alla Futuroscope Arena a fine agosto per una partita di riscaldamento che alzerà il sipario del Trofeo dei Campioni.
© (Foto cor. NR-CP, Sébastien Grégoire)

Pierre Samit

N1M: i movimenti

Partenze: Anzilani Housseine, Rachid Belkacem, Maximiliano Soliani, Alexis Mège, Hugo Madier, Alexandre Ribeira, Benoît Juin (allenatore, Aurillac, N3).
Arrivi: Pablo Munoz (portiere, Saint-Raphäel, N2), Quentin Ducoat (difensore/ala destra, Chartres, N1M), Swann Béral ​​​​(terzino sinistro, Chartres, N1M), Faycal Siha Mhedy (centrocampista, Cournon d’Auvergne, Proligue ), Flavien Long (difensore centrale, Cournon d’Auvergne, Proligue), Raphaël Gérard (terzino destro, Limoges, N2), Romain Guillard (allenatore, Caen, Proligue/N3).

-

PREV Nizza: otto anni dopo l’attentato, un omaggio alle vittime sulla Promenade des Anglais: News
NEXT Social network, mercenari “a basso costo”… La nostra indagine sulle modalità edificanti del reclutamento dei narcotrafficanti nelle Alpi Marittime