Joe Biden, sotto pressione, torna in campagna: Notizie

-

Domenica il presidente degli Stati Uniti Joe Biden è tornato in campagna elettorale, determinato a non arrendersi nonostante le crescenti pressioni da parte dei democratici eletti affinché abbandoni la corsa per la Casa Bianca.

L’81enne democratico deve partecipare a due incontri elettorali in Pennsylvania, uno stato chiave nella corsa alla Casa Bianca, prima di iniziare una settimana estenuante con un vertice della NATO a Washington.

Parlerà prima ad una messa in una chiesa nera a Filadelfia per poi incontrare sindacalisti e simpatizzanti a fine giornata ad Harrisburg.

In genere si trova più a suo agio in questo tipo di eventi, come venerdì scorso durante un incontro in Wisconsin, altro stato chiave, dove ha assicurato che sarebbe rimasto in corsa a tutti i costi, supportandolo tramite un vero gobbo.

Il candidato democratico ha molto da fare per cancellare l’impressione disastrosa lasciata dal suo dibattito contro Donald Trump il 27 giugno.

E non ha tolto del tutto i dubbi sulla sua capacità di portare avanti la sua campagna dopo un’intervista televisiva venerdì sera.

“Penso che il presidente debba fare di più”, ha osservato domenica un senatore democratico vicino al presidente, parlando di una settimana “assolutamente cruciale” a venire. Chris Murphy lo ha fortemente incoraggiato a raggiungere i cittadini e ad aumentare il numero di riunioni senza gobbo.

“Penso che tutto questo debba essere fatto nei prossimi giorni. Il tempo stringe. Questa settimana sarà davvero importante e vitale per il Paese e per il presidente”, ha detto il senatore alla CNN.

– La voce del “Signore” –

Perché la pressione da parte dei funzionari democratici eletti preoccupati è in aumento.

Il leader della minoranza democratica alla Camera, Hakeem Jeffries, ha convocato domenica una riunione (virtuale) dei massimi funzionari eletti del partito per discutere il modo migliore di procedere mentre il Congresso torna in sessione questa settimana.

Almeno un senatore democratico, Mark Warner, avrebbe tentato di organizzare un forum simile nella Camera alta, ha riferito la stampa americana.

Cinque parlamentari democratici hanno già chiesto inequivocabilmente a Joe Biden di rinunciare a candidarsi a novembre, temendo, come ha detto sabato la deputata Angie Craig, che non sarebbe in grado di “condurre una campagna efficace e vincere contro Donald Trump.

In quella che è stata annunciata come un’intervista televisiva decisiva dopo il suo dibattito fallito, Joe Biden ha giudicato venerdì che nessun altro oltre a lui fosse “più qualificato” per battere Donald Trump. I sondaggi però lo mettono in evidente difficoltà di fronte al suo avversario repubblicano a novembre.

Durante questo scambio su ABC, ha anche ripetutamente eluso la domanda se il suo stato fisico e mentale fosse peggiorato durante il suo mandato. Tuttavia, sono le sue capacità cognitive ad essere oggetto di discussioni molto accese.

“Faccio un test cognitivo ogni giorno”, ha detto. “Non solo sto conducendo una campagna elettorale, ma sto anche guidando il mondo”, ha aggiunto dopo aver spiegato il suo scarso rendimento durante il dibattito con la sua “esaurimento”.

– Trump discreto –

Nel frattempo, Donald Trump, che è rimasto insolitamente discreto negli ultimi giorni, si diverte delle spaccature tra i democratici sul suo Truth Social network.

La squadra elettorale di Joe Biden è determinata, nonostante tutto, ad andare avanti mentre il presidente Biden giura che non si arrenderà, a meno che il “Signore” non glielo chieda.

Ha svelato un intenso piano di battaglia per il mese di luglio che prevede una valanga di spot televisivi, viaggi in tutti gli Stati chiave, e in particolare nel sud-ovest del Paese durante la convention repubblicana (15-18 luglio).

La first lady Jill Biden, che secondo la stampa americana esorta il marito a restare in corsa, lunedì dovrebbe fare campagna elettorale in Georgia, Florida e Carolina del Nord, secondo un comunicato stampa dei suoi servizi.

La settimana si preannuncia difficile per Joe Biden, che dovrà partecipare a un’intensa sequenza internazionale ospitando un vertice dei leader della NATO da martedì a giovedì.

Dovrà lavorare anche per rassicurare gli alleati, mentre molti Paesi europei temono una vittoria di Donald Trump a novembre, che mantiene la vaghezza sul sostegno americano all’alleanza militare occidentale.

-

PREV È morto Jean-Claude Lenoir, figura dell’aiuto ai migranti a Calais: un omaggio previsto per questo sabato
NEXT Senegal – Promuovere la prossima generazione di imprenditori a Saint-Louis: il kosmos Innovation Center rafforza i giovani imprenditori della regione – VivAfrik