Tassa di soggiorno nell’Îles-de-la-Madeleine: i visitatori pagheranno? – Portale delle Isole Maddalena

Tassa di soggiorno nell’Îles-de-la-Madeleine: i visitatori pagheranno? – Portale delle Isole Maddalena
Tassa di soggiorno nell’Îles-de-la-Madeleine: i visitatori pagheranno? – Portale delle Isole Maddalena
-

Sebbene il pagamento dell’Arcipelago Pass sia facoltativo quest’estate, alcuni turisti desiderano ancora pagare questa controversa tassa turistica di 30 dollari per preservare il territorio e le infrastrutture turistiche dell’arcipelago. Questa intenzione non è però condivisa da tutti.

È per partecipare alla tutela delle banche che Nicole Séguin, residente a Gatineau, ha scelto di pagare la tassa di soggiorno durante il suo soggiorno nelle Isole, anche se non è obbligatoria.

Penso che 30 dollari a persona non siano davvero costosi, pensa. Qui il parcheggio non si paga, è tutto gratis, mentre in città, ovunque, parcheggiare è due o tre dollari l’ora.

Anche la turista Suzanne Lacombe, di Saint-Donat, sta pensando di dare il suo contributo finanziario per aiutare l’amministrazione comunale.

Il turismo è necessario per i Madelinot, ma rappresenta comunque un prezzo piuttosto alto per le infrastrutture, l’acqua e i rifiutilei dice.

Pur desiderando pagare la tassa di soggiorno, Suzanne Lacombe e sua figlia Valérie Morissette lamentano la mancanza di informazioni su come effettuare il pagamento. FOTO: RADIO-CANADA / ISABELLE LAROSE

Molti turisti desiderano pagare la tariffa ma non sanno necessariamente che dovranno effettuare il pagamento direttamente sul sito del Comune dell’Îles-de-la-Madeleine.

Vorrei, ma trovo complicato sapere dove e come lo paghiamoindica la montrealese Valérie Morissette. Se nelle imprese ci fossero dei manifesti per informarci, sarebbe più ovvio, ma fin dall’inizio non so dove andare a pagare volontariamente.

Sto pensando di pagarlo se riesco a trovare lo sportello dove possiamo farlo, ma non ho visto nullaindica Sylvain Lacombe, un turista di Laval che ignorava l’esistenza di una piattaforma di pagamento virtuale.

Questi turisti di Beauce, Éric Guénette e Suzanne Campeau, affermano che non pagheranno l’Archipel Pass poiché questa misura è facoltativa. FOTO: RADIO-CANADA / ISABELLE LAROSE

Altri turisti, invece, dichiarano che non pagheranno la tariffa.

Lo pagherei se dovessi, ma poiché non è obbligatorio, non lo pagheremo gratisindica Suzanne Campeau, di Saint-Louis-de-Gonzague.

Preferiamo spendere di più nei negozi piuttosto che pagare una tassaaggiunge suo figlio, Éric Guénette.

Sophie Giroux, residente a Brome, nei comuni dell’Est, non pagherà la tassa di soggiorno. FOTO: RADIO-CANADA / ISABELLE LAROSE

Penso che sia un po’ esagerato, perché partiamo dal Quebec e arriviamo in Quebec, e dovremmo pagare il pass… Penso che sia chiedere un po’ troppo quando siamo già del Quebecsostiene Sophie Giroux, che vive nei comuni orientali.

Una recensione in autunno

Il Comune dell’Îles-de-la-Madeleine si rifiuta di rivelare durante l’estate gli importi raccolti grazie a questa tassa di soggiorno. La valutazione finale verrà fatta solo a metà ottobre.

Con la tassa di soggiorno, il comune dell’Îles-de-la-Madeleine desidera generare entrate aggiuntive senza aumentare il carico fiscale sui Madelinot. (Foto d’archivio) FOTO: RADIO-CANADA / ISABELLE LAROSE

Con una tariffa obbligatoria, l’amministrazione comunale stima di poter generare un milione di dollari di entrate aggiuntive, ma le aspettative sono molto più basse da quando la misura è diventata facoltativa.

I soldi nelle casse ci sono, ma sicuramente non saranno all’altezza di quanto previsto nell’ambito della tariffa obbligatoria.

Una citazione da Antonin Valiquette, sindaco delle Isole Maddalena

Mentre diversi turisti affermano di non sapere come pagare l’Archipel Pass, Antonin Valiquette spiega che il tardivo cambio di direzione del Comune ha danneggiato la campagna promozionale di questa misura.

Rendendo volontario l’Archipel Pass e dopo averlo fatto a maggio, non abbiamo avuto il tempo di cambiare direzione in una campagna di marketing che stava passando da misura obbligatoria a facoltativa e di riorientare le nostre azioni promozionalilui spiega.

La promozione non è al livello che inizialmente ci aspettavamo. D’altra parte, ci sono molte persone che ne hanno sentito parlareAggiunge. Quello che sento dal campo è che ci sono molte persone che vogliono contribuire, perché comprendono gli obiettivi dell’Archipel Pass.

Mentre l’amministrazione comunale aveva inizialmente stimato di poter raccogliere un milione di dollari con una tassa di soggiorno obbligatoria, il sindaco di Îles-de-la-Madeleine prevede che le somme raccolte saranno molto inferiori a causa del pagamento facoltativo. FOTO: RADIO-CANADA / ISABELLE LAROSE

Di fronte alle polemiche suscitate dalla creazione del Passe Archipel, il sindaco ribadisce la sua intenzione di consultare la popolazione prima di modificare il carattere volontario di questa tassa turistica.

Allo stesso tempo, Antonin Valiquette aggiunge che le trattative con Transport Canada continuano. Nel mese di maggio, il comune dell’Îles-de-la-Madeleine non aveva ancora ottenuto la conferma che un agente comunale potesse verificare la prova del pagamento della tassa sul terreno dell’aeroporto. È soprattutto per questo motivo che il Comune ha deciso di rendere facoltativo l’Archipel Pass.

THE ONE: Questa coppia venuta da Mansfield, nell’Outaouais, per visitare l’arcipelago di Madelinot non intende pagare l’Archipel Pass, una tassa turistica facoltativa di 30 dollari a persona. FOTO: RADIO-CANADA / ISABELLE LAROSE

PAR Isabella Larose

-

PREV Il castello di Vincennes e la sua storia dal Medioevo al XX secolo – Giornate del Patrimonio 2023 – Castello di Vincennes – Vincennes, 94300
NEXT una carriera da chef guidata dalle stelle