Beauregard 2024. Nei bar dei festival quali sono i cocktail più richiesti?

Beauregard 2024. Nei bar dei festival quali sono i cocktail più richiesti?
Beauregard 2024. Nei bar dei festival quali sono i cocktail più richiesti?
-

Par

Christophe Jacquet

pubblicato su

7 luglio 2024 14:48

Vedi le mie notizie
Segui Liberté Caen

Dopo la serata inaugurale e il memorabile spettacolo dei DJ David GuettaIL festa di Beauregard ha preso la velocità di crociera fino a Hérouville Saint-Clair (Calvados). Anche quest’anno il tutto è esaurito. Con un ringiovanimento del pubblico, che si avverte in un settore specifico del festival.

Per placare la sete dei festivalieri, Beauregard conta, come nelle ultime edizioni, niente meno che 13 barrettedistribuiti sui lati dei due palchi.

Il rap fa bere a Beauregard una birra speciale

La maggior parte è lì fin dagli inizi di Beauregard. È il caso dell’ex Bar 2, ribattezzato Côté Château, dove Libertà Caen ha già trascorso un’ora dietro il bancone venerdì 5 luglio 2024. Or Pub di John. Il grande bar situato di fronte o quasi al palco John ha fatto il tutto esaurito circa 500 barili di birra dal prima di mercoledì 5 luglio.

Con qualche slancio al lunghissimo bancone sotto il tendone. Ad esempio, “al momento della vittoria della Francia”, racconta Hubert, uno dei rappresentanti del John’s Pub, il giorno dopo la qualificazione alla semifinale di Euro 2024. Per lui la clientela oscilla molto “a seconda della programmazione”. L’apertura del festival al rap e alle comete del genere come Josman, SCH e Niska quest’anno ha riunito i più giovani. Questi 18-20enni che si disinteressano alle birre lager, ma si innamorano della Kriek, una morte improvvisa “aromatizzata”: “È quella che funziona di più durante il rap. Ne vendiamo molti. »

Il Mojito riconquista il primo posto

A El Bodega, il bar aperto su due lati nell’isola centrale tra il palco di Beauregard e la ruota panoramica, “questo è sicuro”, è il Mojito a 8€, che è un successo. «Negli ultimi anni il nostro cocktail bar ha vissuto l’esplosione dello Spritz», ricorda Nathan, cameriere per la prima volta al Beauregard. La sua versione da 7€ questa volta sembra andare meno bene. “Il Mojito resta al primo posto. »

È stato questo cocktail ad essere popolare e a generare lunghe code durante e dopo il set di maousse di David Guetta. E lì i 35-50enni hanno soppiantato i più giovani, poco appassionati di rum.

Video: attualmente su -

“Non abbiamo mai avuto un mercoledì come questo”

Al bar La Case più di 60 volontari si alternano nel servire birre biologiche locali, “non-stop, dall’aperitivo fino a dopo mezzanotte”. ©Christophe Jacquet

Anche questa clientela attende davanti a La Case, ai piedi della ruota panoramica. La birreria biologica locale – storica a Beauregard – “serve la maggior parte delle bionde”, conferma François. “ La birra bianca dipende dal tempo. L’ambra prende il suo posto. » Il fondatore del bar, a capo di una squadra di 35 fedeli volontari, resta evasivo sul numero di botti vendute. “Centinaia” nei cinque giorni del festival. Il passaggio di David Guetta “è stato comunque forte”: “Non abbiamo mai avuto un mercoledì così a Beauregard. »

La Case, rifornita dalla Brasserie de la Baie, a Pontorson (Manche), non funge da cricket D’altra parte. “ Genera nuovi clienti, che non abbiamo. È diventato più settorializzato, ma va bene, non ci pestiamo i piedi con le altre sbarre. »

Segui tutte le notizie dalle tue città e media preferiti iscrivendoti a Mon -.

-

PREV La previdenza sociale è preoccupata per l’avvicinarsi dei Giochi Olimpici
NEXT Concerto dell’Orchestra Nazionale dell’Ile-de-France