Comiccon di Montreal | Un calcio d’inizio in costume

-

Orecchie da elfo, armi di polistirolo e mascotte pelose si sono incontrati nei corridoi del Palais des congrès per il primo giorno del Comiccon di Montreal, che ha attirato una folla di nerd entusiasta.


Inserito alle 18:02



Migliaia di visitatori hanno sfilato attorno al Montreal Comiccon nel centro di Montreal sabato pomeriggio. Sono attese circa 65.000 persone nei tre giorni della manifestazione, giunta alla sua 14esima edizione.e edizione di quest’anno.

Obiettivo principale del convegno? “Incontra altri nerd e divertiti insieme”, ha detto Amber Helliker, che stava iniziando il suo terzo Comiccon con il suo fidanzato Jake Landry. L’evento offre ai geek la possibilità di stabilire contatti, ha spiegato la giovane donna. “Abbiamo molti interessi in comune, è facile andare d’accordo”, ha aggiunto Jake Landry

FOTO MARIKA VACHON, LA STAMPA

Amber Helliker era vestita da fata accanto al suo fidanzato Jake Landry, il cui costume era ispirato al videogioco Cadere e franchezza Guerre stellari.

Per Julian Ibanez, che spera di lavorare in futuro nel campo dei videogiochi, il Montreal Comiccon è un vero sogno. “Per me è importante conoscere il settore, quindi più tardi vedrò un panel sulla sceneggiatura di videogiochi”, aggiunge il giovane, che stava trascorrendo la giornata con la sua ragazza Anna.

Divertimento per tutta la famiglia

Per Geneviève Bouchard, il Comiccon di Montreal è l’occasione perfetta per divertirsi con la famiglia. “Ciò che amo di più è trascorrere del tempo qui con i miei figli”, ha detto.

Nel giro di pochi minuti, una decina di passanti si sono fermati per fotografare Geneviève Bouchard e suo figlio, che indossavano costumi ispirati al videogioco Cadere. “Ci siamo abituati, è davvero un videogioco popolare”, ha aggiunto la mamma, con un sorriso sulle labbra.

Marc Samson ha partecipato al suo decimo Comiccon vestito da Hawkman, un personaggio della serie DC Comics. “Ho provato a realizzare ali meccaniche, ma non ho fatto in tempo! “, ha detto, aggiungendo che per realizzare il suo costume ci è voluto quasi un anno.

FOTO MARIKA VACHON, LA STAMPA

Marc Samson ha partecipato al suo decimo Comiccon quest’anno

IL tipo strano Il 61enne è appassionato di costumi retrò dei personaggi dei fumetti, che realizza lui stesso anno dopo anno. “Spesso sono i genitori che accompagnano i loro figli a riconoscermi e a scattare foto con me”, ha sottolineato.

-

PREV Sovranità sui vaccini: i grandi passi del Senegal
NEXT “Alla scoperta delle radici del mondo” parte da Saint-Lazare