Olimpiadi Parigi 2024, basket: con Wembanyama da record, i Blues superano la Germania all’avvicinarsi dei Giochi

Olimpiadi Parigi 2024, basket: con Wembanyama da record, i Blues superano la Germania all’avvicinarsi dei Giochi
Olimpiadi Parigi 2024, basket: con Wembanyama da record, i Blues superano la Germania all’avvicinarsi dei Giochi
-

In una Lanxess Arena di Colonia gremita, con 18.000 persone presenti per assistere alle due selezioni candidate per una medaglia olimpica, i Blues hanno vinto questo sabato la loro seconda partita di preparazione. Dopo la manifestazione contro la Turchia (96-46) a Rouen, questa volta hanno ripetuto i loro range contro i campioni del mondo tedeschi. Parte dei campioni del mondo per la precisione, perché erano assenti i fratelli Wagner, sapendo che i tedeschi avevano appena iniziato il loro campionato.

Quest’ultimo affronterà nuovamente i francesi a Montpellier tra 48 ore, e soprattutto il 2 agosto a Lille nel primo turno dei Giochi in una partita che rischia di essere decisiva per il resto del torneo. Con il giocatore di basket del Paris Leon Kratzer non hanno svelato tutti i loro segreti. Certamente nemmeno i Blues. Questa seconda uscita è, tuttavia, più produttiva della precedente: la Francia aumenta di scala, di intensità, guadagna in automatismi e, dopo una settimana di lavoro completo, il collettivo comincia a prendere forma. Tutto questo è promettente.

Victor Wembanyama ha lasciato il segno in Germania. Icona Sportiva 2024

Come a Rouen tre giorni prima, Vincent Collet ha deciso di lanciare dall’inizio la sua magica coppia Rudy Gobert-Victor Wembanyama. Il duo è stato il solo responsabile di segnare i primi otto punti della partita e di respingere i primi assalti germanici. Come in Normandia, i due migliori difensori della NBA hanno giocato insieme per i primi cinque minuti. Collet ha anche inserito Matthew Strazel e Isaïa Cordinier tra i titolari. Questi due si contendono un posto nella lista dei dodici e forse dovremmo vederlo come un segnale da parte dell’allenatore. All’inizio della giornata, aveva già lasciato Nadir Hifi e Jaylen Howard fuori dai Giochi. Ha fatto entrare Elie Okobo all’inizio del secondo quarto e Théo Malédon cinque minuti più tardi. Forse dovremmo vedere un indizio anche nelle scelte future dello staff.

I due giganti si sono ritrovati insieme per iniziare il secondo quarto. La coppia entra in ordine di marcia. Ma niente panico quando non ci sono: con Mathias Lessort, il miglior perno dell’Eurolega e Guerschon Yabusele, così prezioso per il Real Madrid, la racchetta francese è lungi dall’essere impotente. Facendo ruotare la squadra per continuare gli aggiustamenti, i Blues hanno perso per strada Evan Fournier, colpevole agli occhi degli arbitri di strangolamento della stella locale Dennis Schröder. La sanzione è definitiva: fallo da espulsione e ritorno in doccia poco prima dell’intervallo. Fortunatamente per lui, a differenza di altri, Fournier non ha giocato il suo posto ai Giochi in questa partita. Il suo, salvo grosse sorprese, è assicurato.

Con un comodo vantaggio all’intervallo (48-28) e una difesa all’altezza delle aspettative dell’allenatore, Wemby, autore di 25 punti in totale (il suo record con i Blues), è tornato senza il suo complice d’alta quota. In due o tre azioni, l’extraterrestre ha lasciato senza parole il secondo più grande teatro tedesco. Le due torri tornano fianco a fianco per iniziare l’ultimo quarto e confermare il grande successo dei Blues (90-66). La loro giornata però non è finita: almeno quella dello staff che dovrà annunciare in serata a due nuovi giocatori che la loro avventura finisce lì. Lunedì sera, contro gli stessi tedeschi, il pubblico di Montpellier avrà la prima occasione di vedere i dodici cestisti francesi che giocheranno ai Giochi Olimpici.

-

PREV Cannes. Paul Pacini a sa place…
NEXT Vicino a Cholet, nonostante i lavori in fabbrica, le case saranno fornite di acqua potabile