Ciò che Nasser al-Khelaïfi, circondato da procedimenti legali, ha detto ai giudici

Ciò che Nasser al-Khelaïfi, circondato da procedimenti legali, ha detto ai giudici
Ciò che Nasser al-Khelaïfi, circondato da procedimenti legali, ha detto ai giudici
-

COME Il gruppo rivelato, Nasser al-Khelaïfi è stato lungamente ascoltato come parte civile, a maggio, nel disordinato dossier del PSG. L’occasione per il presidente del club di spiegare quella che considera una violazione della privacy e un tentativo di ricatto. L’imprenditore ha colto l’occasione anche per sporgere ulteriore denuncia per furto, falso e uso di falsi, denuncia diffamatoria e tentata frode.

Il mondo e Raffica ha rivelato questo venerdì intere sezioni della sua udienza. Apprendiamo che, davanti ai giudici, il qatariota ha affermato di essere vittima del suo ex maggiordomo, Hicham Karmoussi, accusato di aver installato una telecamera nel suo appartamento e di aver catturato e conservato scene intime. Secondo il presidente del PSG, Karmoussi ha rubato anche dati personali, in particolare il contenuto del suo telefono, dati che sono finiti nelle mani di un lobbista un tempo vicino al PSG, Tayeb Benabderrahmane. Al-Khelaïfi designa quest’ultimo come l’autore di un odioso ricatto volto a ottenere denaro.

Mentre i principali soggetti coinvolti danno una versione completamente diversa dei fatti, i magistrati francesi sono stati indotti ad aprire diverse indagini penali per chiarire le reciproche storie. Lo assicura Al-Khelaïfi: coloro che lo accusano di misfatti “Voglio danneggiare l’immagine del club, la mia immagine, la mia famiglia, il mio Paese”.

Il caso beIN

È senza dubbio uno degli argomenti più delicati. Abbiamo ancora bisogno di prove… Ascoltato dal giudice Serge Tournaire e rispondendo alle domande di Mediapart, Karmoussi, ex intendente di Al-Khelaïfi, ha assicurato che il suo capo gli aveva chiesto di fare il ” domestico “ nel 2017, prima delle perquisizioni che avrebbero avuto luogo nel dossier sui diritti televisivi di beIN Sports (dossier per il quale Al-Khelaïfi ha ottenuto l’archiviazione dalla giustizia svizzera nel giugno 2022). Karmoussi ha spiegato che, su richiesta del suo capo, era scomparso e aveva bruciato documenti sensibili nella vasca da bagno del suo appartamento. “Un film hollywoodiano », ha risposto Al-Khelaïfi davanti ai magistrati, che smentisce questo scenario.

Il caso FIFAGate

Sempre secondo il racconto di Karmoussi, però, non tutto sarebbe scomparso in questa grande pulizia… Il maggiordomo avrebbe tenuto con sé un telefono appartenuto alla NAK e delle chiavi USB, il cui contenuto è stato ritrovato durante una perquisizione di un ex agente di polizia di l’intelligence, diventato referente dei tifosi del PSG, Malik Naït-Liman, e con un lobbista già vicino al PSG, Tayeb Benadberrahmane.

Tra questi dati sensibili ci sarebbero dozzine di scambi tra dipendenti di Al-Khelaïfi e FIFA, nonché importanti figure del mondo degli affari. Elementi che hanno subito interessato il giudice Tournaire, incaricato di un’indagine giudiziaria che riguarda sospetti di corruzione legati all’assegnazione dei Mondiali 2022 al Qatar. Un’istruzione calda e potenzialmente esplosiva, meglio conosciuta con il nome mediatico: “FIFAGate”.

La vicenda del video intimo

I supporti informatici conservati da Malik Naït-Liman e Tayeb Benabderrahmane includono anche immagini provenienti da un dispositivo di videosorveglianza della camera da letto. Se la NAK afferma di essere stata spiata, Karmoussi assicura che il dispositivo è stato installato su richiesta della NAK per impedire qualsiasi atto di furto con scasso (versione che quest’ultima smentisce). Nasser al-Khelaïfi si è costituito parte civile in questo caso e denuncia un attacco alla sua vita privata.

Il caso dei barbouzeries

La parte che riguarda il video intimo fa parte di un’indagine giudiziaria più ampia, soprannominata dalla stampa “la vicenda dei barbouzeries » del Psg. NAK potrebbe essere preoccupato? Per il momento c’è stato solo il suo ex direttore della comunicazione. In questo caso, Jean-Martial Ribes è stato incriminato per corruzione, complicità nell’appropriazione indebita della finalità del trattamento dei dati e violazione del segreto professionale (ha utilizzato agenti di polizia per ottenere informazioni dagli archivi della polizia, in particolare per avere informazioni su Nelson Douard, il sostenitore che ha schiaffeggiato Neymar), molestie morali (è sospettato di aver subito campagne di molestie trasmesse dall’esercito digitale contro Nelson Douard o addirittura contro Jérôme Cazadieu, ex direttore della squadra).

Jean-Martial Ribes è presunto innocente e nega tutte queste accuse. Affinché NAK sia implicato, i giudici dovranno dimostrare che era a conoscenza di ciò che stava facendo il suo ex direttore. Davanti ai giudici, il tecnico del PSG ha avuto cura di prendere le distanze, negando ogni” regolare rapporto diretto ».

La vicenda del rapimento

Tayeb Benabderrahmane, con il pretesto di aver tentato di vendere a una potenza straniera informazioni sensibili in suo possesso – cosa che ha sempre negato – è stato detenuto per diversi mesi in Qatar nel corso del 2020, prima di essere finalmente rilasciato, esito di un protocollo transazionale. Dopo il suo ritorno in Francia, il signor Benabderrahmane ha contestato questo protocollo, sostenendo che era stato ottenuto sotto costrizione mentre era detenuto in Qatar. Ha sporto denuncia contro X e ha preso di mira i suoi avvocati di allora, ma anche quelli del signor Al-Khelaïfi, sospettato di aver agito di concerto. A Parigi è stata aperta un’inchiesta giudiziaria per rapimento. Il boss del PSG denuncia tentativi di ricatto per ottenere somme di denaro molto ingenti.

Il caso della condanna a morte

Tayeb Benadberrahmane è stato condannato a morte in Qatar per spionaggio. Nasser al-Khelaïfi giura di essere completamente estraneo a questa sanzione. Secondo Blast, i giudici francesi hanno però notato che anche il capo della detenzione di Tayeb Benadberrahmane in Qatar si chiamava… Al-Khelaïfi. ” NONSiamo una famiglia molto grande. Non è un cugino di primo grado ma un membro della mia lontana famiglia (…) Lo conosco personalmente ma non lo vedo tutte le settimane o tutti i mesi,” ha risposto il tecnico del PSG.

Idem, sempre secondo Blast, per il presidente della corte d’appello che ha confermato in Qatar la sanzione capitale comminata a Benadberrahmane, e che porta anche lo stesso nome del presidente del club parigino: “ Questa è la prima volta che sento questo nome ma se è Al-Khelaïfi, il suo cognome è perché deve essere della mia famiglia ma non lo conosco. Ancora una volta è una famiglia molto grande”NAK si è giustificato davanti ai giudici.

Il caso dell’assistenza per residenza irregolare

Si tratta di una sottocomponente dell’affare Barbouzeries. Sulla base dei dati raccolti durante la perquisizione gli inquirenti sospettano il reato di favoreggiamento del soggiorno irregolare. Così Malik Naït-Liman, grazie ai suoi amici poliziotti, ha ammesso di aver “sbloccato” il rinnovo del permesso di soggiorno della moglie di Jean-Martial Ribes, ex direttore delle comunicazioni del club. La polizia è anche riuscita a mettere le mani su numerosi scambi tra Benadberrahmane e Naït-Liman che evocano falsi certificati di alloggio per diverse persone del loro entourage o di quello del PSG. Tra loro ? Marco S., cugino di Thiago Silva.

« Tayeb ne aveva parlato con Fatima Kalouche, che si prende cura dei giocatori del PSG. Tayeb ha dovuto offrirsi di aiutarlo a lavorare sul permesso di soggiorno. Non so cosa abbia fatto esattamente.”Malik Naït Liman si è giustificato davanti alla polizia. “Probabilmente dovevo inoltrare una richiesta” l’interessato si è limitato a rispondere.

La vicenda delle note false dei servizi segreti

Si tratta di un altro cassetto aperto dagli inquirenti nell’ambito delle indagini dedicate alle consultazioni illecite di fascicoli di polizia (caso barbouzeries). Nei confronti di Adel Aref, ex capo di stato maggiore di Nasser al-Khelaïfi, sono stati redatti falsi verbali della polizia e una nota dell’Interpol, attribuendogli atti gravi, criminali o addirittura criminali. Quest’ultimo era stato allontanato dal PSG. Chi ha creato queste banconote false? Sponsorizzato da chi? Per quali scopi? Indagini in corso.

La vicenda del lavoro nascosto

Hicham Karmoussi, ex maggiordomo di Nasser al-Khelaïfi, e Hicham Bouajila, ex collaboratore, hanno entrambi presentato una denuncia per lavoro nascosto. A Parigi sono in corso le indagini. In una risposta scritta a Mediapart, il tecnico del PSG ha denunciato coloro che cercherebbero di “manipolare i media”, evocando ” bugie » e « contraddizioni ».

La questione delle donazioni fiscali

All’inizio del 2024 è stata finalmente aperta un’indagine giudiziaria per traffico di influenze. Grazie ai Football Leaks rivelati da Mediapart, e ad una serie di perquisizioni, che hanno portato tra l’altro allo sfruttamento del telefono di Jean-Martial Ribes, gli investigatori sospettano che il PSG abbia sfruttato i suoi rapporti per ottenere notevoli vantaggi fiscali sulla cessione di Neymar.

-

PREV Il tempo di lunedì 15 luglio 2024 a Saint-Nazaire e dintorni
NEXT Fontaine d’Ouche: spazzatura bruciata, i giovani attaccano la polizia con i mortai!