Portogallo-Francia (0-0, tab. 3-5): e alla fine della serata, i Blues finalmente vanno a segno!

Portogallo-Francia (0-0, tab. 3-5): e alla fine della serata, i Blues finalmente vanno a segno!
Portogallo-Francia (0-0, tab. 3-5): e alla fine della serata, i Blues finalmente vanno a segno!
-

In Germania l’iberico c’è già ma la Spagna incontrerà in semifinale martedì 9 luglio a Monaco la Francia e non il Portogallo. Gli azzurri sono riusciti a uscire vivi dai rigori per la prima volta dal… 1998, dopo quelli persi ai Mondiali del 2022 in Qatar e a Euro 2021 davanti agli svizzeri.

La tua fortuna è cambiata? Erano perfetti con cinque tiri riusciti. Un trionfo! Poiché era scritto che la Francia sa bloccare, era allo stesso tempo certo che la questione si sarebbe risolta con i rigori. Perché dà tanto quanto riceve, niente in un senso, niente nell’altro, scegliendo il suo destino durante i calci di rigore. I Blues sono ancora vivi.

L’attacco dei Blues si fermò

Al di là della noia, offrono giochi incerti, che continuano a pendere dal lato buono o da quello cattivo senza sapere chi vincerà. Questa lotta tra il bene e il male si divide fin dall’inizio dell’euro tra difesa e attacco. Giocano sulla neutralità, senza segnare né subire, un né-né che a volte non ha senso di fronte al pericolo. Di fronte a un vero avversario, solido, giocoso, tecnico, hanno resistito grazie alle loro forze tedesche, principalmente l’imperiale William Saliba e il muro Mike Maignan, ancora decisivo questo venerdì contro Bruno Fernandes (61esimo) o Vitinha nel minuto successivo. Ma con Antoine Griezmann poco influente (sostituito al 66esimo da Ousmane Dembélé), Kylian Mbappé troppo lontano dall’area di rigore e Randal Kolo Muani poco invitato a questa altitudine, hanno continuato a comportare pochi pericoli. Al 50′, solo due tiri in porta, compreso il secondo di Kylian Mbappé, senza stress per Diogo Costa.

Cercano poco la profondità, chiedono continuamente la palla tra i piedi, preferendo insomma attaccare da fermo. Un concetto divertente. Con la minaccia portoghese in crescita nel secondo tempo, i portoghesi cercano finalmente spazio, cosa che non può accontentare una difesa comandata dal veterano Pepe. Randal Kolo Muani, lanciato da Jules Koundé, ha quasi consegnato la Francia ma il suo tiro, che ricordava quello mancato nella finale dei Mondiali 2022, è finito in calcio d’angolo.

Il parigino si troverà quindi più a suo agio con le soluzioni offerte sulla destra da Ousmane Dembélé, venuto a rompere le mosse in area portoghese, con Eduardo Camavinga anche lui sull’orlo dell’estasi (70esimo). Ma la storia la conosciamo: agli uomini di Didier Deschamps non piace la semplicità né il realismo. Hanno bisogno di torrenti di opportunità per sperare che una goccia trabocchi nella parte offensiva per guarnire la porta.

Mbappé aveva la mentalità per difendere, nessun succo per la cavalcata

Dopo l’esordio della Polonia, il tecnico ha scelto di proseguire con l’attacco parigino, se accettiamo l’idea che il capitano non sia ancora del Madrid. L’ingresso dell’esterno destro destabilizzerà completamente la buona organizzazione dei compagni di Cristiano Ronaldo, presi personalmente nella tenaglia francese e autori di un clamoroso fallimento ai supplementari. “Ous” toccherà addirittura la parte alta della traversa (74esimo). Un segno di fortuna?

Fino alla fine dei tempi regolamentari tutto resterà possibile, aperto, su un filo e quindi irrespirabile. Kylian Mbappé scomparirà dalla partita. Aveva la mentalità per difendere, nessuna linfa per la cavalcata e le accuse. Si è trasformato in una pistola di plastica e visto che non esiste un piano B per segnare…. I Blues sono arrivati ​​ai supplementari con le armi del momento e sono stati abbastanza innocui. Il capitano non avrà le risorse per sopravvivere negli ultimi quindici minuti. Per il Portogallo è stato il secondo della settimana. Tuttavia, sembravano più audaci, costringendo i difensori a rimanere eroi in questa squadra. A cui vanno aggiunti i cinque rigoristi.

-

PREV VIDEO. Julian Marley in concerto a Lisieux: un grande successo popolare
NEXT Concerto dell’Orchestra Nazionale dell’Ile-de-France