Tre mesi dopo l’aggressione di Samara a Montpellier, la madre racconta: “Ogni mattina prendevamo in giro il suo fisico”

Tre mesi dopo l’aggressione di Samara a Montpellier, la madre racconta: “Ogni mattina prendevamo in giro il suo fisico”
Tre mesi dopo l’aggressione di Samara a Montpellier, la madre racconta: “Ogni mattina prendevamo in giro il suo fisico”
-

l’essenziale
Tre mesi dopo la violenta aggressione contro Samara davanti al suo collegio a Montpellier, l’adolescente è stata ascoltata da un giudice istruttore questo venerdì 5 luglio. La madre dà notizia della figlia caduta in coma.

All’inizio di aprile 2024, Samara, 13 anni, è stata duramente picchiata vicino alla sua scuola, l’Arthur-Rimbaud College di Montpellier, e ha dovuto essere messa in coma. Tre mesi dopo, sua madre Habiba ha rilasciato un’intervista a Figaroripercorre ciò che ha vissuto sua figlia e le dà notizie.

Quello che è successo

Samara era diventata il capro espiatorio di un altro adolescente. Questa ragazza di 14 anni e due ragazzi di 14 e 15 anni sono stati incriminati per “tentato omicidio intenzionale” e posti sotto controllo giudiziario.

Leggi anche:
Aggressione a Samara a Montpellier: tre minorenni hanno ammesso i fatti e sono stati incriminati per tentato omicidio volontario

La madre di Samara spiega, basandosi su quanto le hanno raccontato gli studenti universitari: “Ogni mattina le scattavamo una foto a sua insaputa e il suo volto veniva messo su un social network per prendere in giro il suo fisico, il colore del viso, i capelli e il modo in cui si veste”. . A 14 anni, a Samara fu permesso di truccarsi e tingersi i capelli. La studentessa è stata insultata, sputata nei capelli e poi picchiata. “In questo college dovevi adattarti a uno stampo altrimenti non andava bene per questa ragazza e per gli altri”, continua la madre.

In primavera, la madre di Samara aveva detto dell’aggressore di sua figlia: “Poiché è religiosa, non si trucca e non può uscire con i ragazzi. Penso che sia gelosa”. L’avvocato della studentessa in colpa ha dichiarato che l’aggressione “non aveva alcun legame con carattere religioso”.

Un rapporto dell’Istruzione Nazionale ha concluso che “non era possibile stabilire oggettivamente una situazione di molestie scolastiche contro Samara. Queste conclusioni hanno scioccato la madre di Samara: “Questo rapporto confuta tutto e dice che tutto stava andando bene. Ero indignato e lo era anche mia figlia. È stato come un doppio smacco per lei.

Habiba, la madre di Samara e il suo avvocato, Me Marc Gallix.
MaxPPP

Leggi anche:
Aggressione da Samara a Montpellier: molestie negate, college esonerato… Perché l’inchiesta sull’Educazione Nazionale è controversa

Notizie da Samara

L’adolescente è stata seguita da uno psicologo fin dall’aggressione. “Ha momenti di stress e talvolta si sente un po’ triste”, dice sua madre. “Lei nega ancora un po’ e a volte si sente un po’ triste.” Nella quotidianità “a volte ha difficoltà a gestire le proprie emozioni”.

Samara è tornata a scuola alla fine di maggio. Non nella sua scuola di Montpellier ma in un’altra città, “lontano da casa”, spiega sua madre. La prima settimana “era spaventata”. Poi gradualmente si è sentita più a suo agio. “Gli altri studenti erano gentili e hanno fatto di tutto per farla sentire a suo agio.” Ha stretto amicizia con altri compagni.

Leggi anche:
DECRITTO. Attentato a Samara, morte di Shamseddine a Viry-Châtillon… perché cresce l’ultraviolenza tra gli adolescenti

Cosa farà Samara

A causa del bullismo scolastico, Samara spesso perdeva le lezioni. All’inizio dell’anno scolastico, a settembre, Samara si unirà a un’altra scuola. “Si avvierà verso un percorso professionale alla scoperta di diverse professioni”, spiega sua madre Habiba.

-

PREV Dole. Hervé Prat si è dimesso dal consiglio comunale
NEXT Che tempo farà a Angers e dintorni mercoledì 17 luglio 2024?