Elezioni legislative 2024. Polemiche, denunce, insulti… nel Territorio di Belfort, una campagna scandalosa

Elezioni legislative 2024. Polemiche, denunce, insulti… nel Territorio di Belfort, una campagna scandalosa
Elezioni legislative 2024. Polemiche, denunce, insulti… nel Territorio di Belfort, una campagna scandalosa
-

Nella seconda circoscrizione elettorale del Territorio di Belfort (Belfort-Valdoie), i due candidati qualificati per il secondo turno delle elezioni legislative denunciano una campagna “violenta” e “indegna”. Guillaume Bigot (RN) e Florian Chaude (deputato uscente della LFI) si puntano il dito contro.

Una campagna violenta. È quanto riferiscono i due candidati ancora in corsa nella seconda circoscrizione elettorale del Territorio di Belfort per le elezioni legislative del 2024.

“Questa campagna non ha nulla a che fare con il 2022. Possiamo vedere chiaramente che c’è libertà di parola e atti razzisti e antisemiti nella circoscrizione elettorale”, assicura Florian Chauche, deputato uscente de La France Insoumise, arrivato secondo al primo turno con il 28,02% dei voti. Guillaume Bigot, candidato del Raggruppamento Nazionale, risultato primo al primo turno con il 37,86% dei voti, da parte sua, ha presentato un reclamo per “Diffamazione e insulto pubblico”.

Diverse controversie hanno costellato la campagna in questo collegio elettorale. Due di essi risalgono a mercoledì 3 luglio 2024. L’editorialista di CNews ha presentato denuncia “Diffamazione e insulto pubblico”. Il motivo: la distribuzione di un volantino dell’Insoumis contenente una foto di Guillaume Bigot accompagnata dalla parola “razzista” con due virgolette che apparterrebbero presumibilmente al candidato del RN. Florian Chauche afferma che queste citazioni sono originali.

Guillaume Bigot ha pubblicato su X (ex Twitter) un video in cui un giovane minorenne afferma di essere stato aggredito da attivisti del Nuovo Fronte Popolare, a Belfort, lunedì 1 luglio. Il giovane spiega di essere stato intimidito da tre persone vicino allo stand di Florian Chauche. Ha messo giù un corrimano. “Trovo che questo non sia degno della nostra democrazia. La democrazia implica lo scontro di idee e convinzioni ma non attacchi ad hominem grotteschi e offensivi”. scrive il candidato RN, che ha preferito rispondere tramite sms alle domande scritte.

Da parte sua, Florian Chauche ha risposto con un comunicato stampa sui social network. Dà https://twitter.com/FlorianChauche9/status/1808493576566833513?ref_src=twsrc%5Etfw%7Ctwcamp%5Etweetembed%7Ctwterm%5E1808493576566833513%7Ctwgr%5E0a1e0bf69ed3e1091fedb5d72566ef8d56dea1e5%7Ctwcon%5Es1_&ref_url=https%3A%2F%2Fwww.francebleu.fr%2Finfos%2Fpolitique%2Flegislatives-2024-accuse-de-racisme-le-candidat-du-rn-guillaume-bigot-porte-plainte-contre-le-depute-florian-chauche-1486526 Della storia.

LEGGI ANCHE: Elezioni legislative 2024. Chi è Guillaume Bigot, editorialista di CNews paracadutato dalla RN nel Territorio di Belfort?

LEGGI ANCHE: Elezioni legislative 2024. Vietato manifestare agli insegnanti del Territoire de Belfort? Te lo spieghiamo

Se i candidati si confrontano tramite uno schermo, sul campo il conflitto assume una dimensione completamente diversa.

Ci sentiamo persone aggressive. Un elettore che affermava di aver votato RN è venuto nel nostro ufficio a gridare per almeno un quarto d’ora. Ci siamo chiusi in ufficio e ci chiedevamo se chiamare la polizia.

candidato del Nuovo Fronte Popolare, Florian Chauche

Tag con la svastica, insulti razzisti e sessisti… il deputato della LFI denuncia diversi episodi di violenza. Durante una campagna porta a porta a Belfort, un attivista razzializzato sarebbe stato trattato come se fosse un criminale “vendita bougnoule” e di “gambero di ratto”. L’attivista ha successivamente sporto denuncia.

LEGGI ANCHE: “È agghiacciante”: svastiche e etichette antisemite trovate in una cittadina vicino a Belfort

La sera di mercoledì 3 luglio, gli attivisti del Fronte popolare rimorchiavano alla stazione di Belfort. “Gli è stato detto che erano prostitute” indica Belfortain. Nella località di Essert, all’inizio della settimana, “qualcuno ci ha salutato con un saluto nazista e un “Heil Hitler””.

Per Florian Chauche la situazione è molto preoccupante. “Vediamo come [déjà] parte dell’elettorato del RN. Quindi se loro [le RN] salirà al potere, cosa accadrà?”, prevede. E per riprendere: “Vediamo il volto dell’estrema destra, razzista, violenta, antisemita”. Cita anche come esempio gli eccessi avvenuti a Valdoie il 22 giugno, poco prima del primo turno: per Saint-Jean sarebbe stata organizzata una partita a squadre. I nomi delle squadre: “Bardella” e “Sporco immigrato”. È stata aperta un’indagine per incitamento all’odio.

Interrogato, Guillaume Bigot ci ha risposto riguardo a questi atti e parole violenti: “Se è vero, non è accettabile e se ci fornirà le prove, lo sosterremo nel suo approccio. Senza prove e senza lamentele da parte sua, questa è manovra e calunnia”..

Il candidato del Fronte Popolare assicura, da parte sua, di non volerlo “fratturare il territorio di Belfort” e non voler alimentare l’attrito: “Facciamo campagna pacifica, facciamo volantinaggio, andiamo porta a porta e di questo tipo di polemiche potremmo fare a meno”.

-

PREV Il tuo sogno RC Lens 2024-2025: Lopez, Blas e Martial per il rilancio
NEXT Concerto dell’Orchestra Nazionale dell’Ile-de-France