MANDELIEU LA NAPOULE: L’Union Patronale du Var e l’EDF uniscono le forze per lottare contro la povertà energetica

MANDELIEU LA NAPOULE: L’Union Patronale du Var e l’EDF uniscono le forze per lottare contro la povertà energetica
MANDELIEU LA NAPOULE: L’Union Patronale du Var e l’EDF uniscono le forze per lottare contro la povertà energetica
-

Martedì 2 luglio 2024, durante lo spettacolo ALCYON Sud a Mandelieu-la-Napoule, Véronique MAUREL, presidente dell’Union Patronale du Var e Jacqueline CASTEL, direttrice regionale Solidarietà con EDF Commerce Méditerranée, hanno firmato un accordo di partenariato per lottare contro la povertà energetica che colpisce le famiglie più vulnerabili.

L’Union Patronale du Var e EDF uniscono le forze per sostenere le persone in situazioni di povertà energetica attraverso azioni di collaborazione concrete attuate attraverso contatti privilegiati tra le squadre dell’Union Patronale du Var e quelle di EDF Solidarity.

Firmato per la durata di un anno e tacitamente rinnovabile fino al 2026, questo accordo prevede azioni quali:

• Accesso diretto al Centro di Solidarietà e all’EDF PASS (Portale d’accesso ai Servizi di Solidarietà dell’EDF) per l’équipe sociale dell’Union Patronale du Var che permette loro di entrare rapidamente in contatto con EDF Solidarité.
• Sostegno energetico personalizzato: EDF offrirà alle persone monitorate dall’Union Patronale du Var un’analisi della loro situazione energetica e una consulenza adeguata: verifica che il contratto del cliente sia adeguato ai loro consumi, consulenza efficace per ridurre le spese energetiche, consigli sulle modalità di pagamento , eccetera.
• Laboratori di informazione e sensibilizzazione per i dipendenti dell’Union Patronale du Var su diversi temi come il risparmio energetico, la lettura degli elementi chiave di una fattura, il sistema di controllo energetico, ecc. guidati da una persona di contatto privilegiata di EDF Solidarietà.

EDF SOLIDALE CON I SUOI ​​CLIENTI

Per EDF, questa nuova firma dell’accordo di partnership consolida un impegno assunto da 30 anni nello sviluppo di azioni di solidarietà a favore dei clienti svantaggiati.
EDF è un attore riconosciuto nella lotta contro la povertà energetica. EDF, nella sua missione di servizio pubblico, continua a preservare e proteggere i suoi clienti più vulnerabili. Riuscire nella transizione energetica significa anche non dimenticare nessuno, significa pensare ai più vulnerabili, ai più indigenti.
Così, da quasi 30 anni, EDF lavora al fianco delle autorità pubbliche, degli enti locali e degli attori sociali per garantire che le bollette energetiche non aggravino situazioni di fragilità sociale. Nella regione del Mediterraneo, più di 30 consulenti EDF sono mobilitati quotidianamente per sostenere i clienti più vulnerabili. Nel 2023, i consulenti per la solidarietà mediterranea hanno effettuato 28.000 chiamate in uscita e hanno risposto a più di 38.000 richieste di diversi attori sociali, mediatori e assistenti sociali.

A proposito di EDF

Protagonista della transizione energetica, il gruppo EDF è un’impresa energetica integrata, presente in tutti i business: produzione, distribuzione, commercio, vendita di energia e servizi energetici. Leader nelle energie low carbon nel mondo con una produzione carbon free di 434 TWh, il Gruppo ha sviluppato un mix produttivo diversificato basato principalmente su energia nucleare e rinnovabile (compresa l’idraulica) e sta investendo in nuove tecnologie a supporto della transizione energetica. Lo scopo di EDF è costruire un futuro energetico a zero emissioni di CO2 conciliando preservazione del pianeta, benessere e sviluppo, grazie all’elettricità e a soluzioni e servizi innovativi. Il Gruppo fornisce energia e servizi a circa 40,9 milioni di clienti (1) e ha realizzato un fatturato di 139,7 miliardi di euro nel 2023.
(1) I clienti sono conteggiati per luogo di consegna; un cliente può avere due punti di consegna.

A proposito dell’Unione Patronale del Var

Creata nel 1937, l’Union Patronale du Var è la prima organizzazione rappresentativa delle imprese del Var da più di 86 anni e portavoce di tutte le imprese del Var attraverso i sindacati riuniti CPME VAR e MEDEF VAR.
Interlocutore privilegiato dei decisori e delle autorità pubbliche, l’UPV è oggi il più grande sindacato dei datori di lavoro in Francia.
Con una comunità di oltre 5.000 aziende collegate in rete, l’UPV è presente in tutti i territori del Var attraverso la sua sede, le sue quattro delegazioni e i suoi 6 centri di formazione e integrazione.
Attraverso queste istituzioni dipartimentali e la sua influenza, sia a livello degli imprenditori del Var che a quello delle autorità pubbliche, l’UPV ha continuato per diversi decenni a sviluppare e diversificare le sue attività per rispondere, con efficienza e agilità, alle esigenze del territorio.

In sintesi il Gruppo UPV oggi è:

– 180 dipendenti,
– Una presenza fisica in tutte le zone del Var
– 2000 tirocinanti formati all’anno
– 24.000 beneficiari di un CE in outsourcing
– 1 giornale semestrale di notizie economiche (in formato cartaceo ed elettronico)
– La Scuola della Seconda Opportunità (E2C) più efficiente in Francia (in termini di efficienza economica e tasso di uscite positive)
– 6 campus E2C du Var distribuiti su tutti i territori
– 14 assistenti sociali
– 4 psicologi del lavoro
– Quasi 700 agenti
– Eccetera.

-

PREV I Piccoli Cantori di Côtes-Armor iniziano la loro tournée nella Cattedrale di Saint-Brieuc
NEXT Elezioni legislative 2024: rifacimento del 2022 tra Cédric Delapierre (RN) e Sylvain Carrière (NFP) nell’ottava circoscrizione elettorale