Festival. La cultura urbana e l’arte di strada sono in aumento questa settimana a Le Mans

Festival. La cultura urbana e l’arte di strada sono in aumento questa settimana a Le Mans
Festival. La cultura urbana e l’arte di strada sono in aumento questa settimana a Le Mans
-

Se c’è un’estetica in crescita, è quella della cultura urbana. Negli ultimi dieci anni sono stati ben 500 i festival ad esso dedicati. L’arte urbana è tutt’altro che recente. Basquiat ha lasciato il segno negli anni ’80, Banksy e Miss Tic, recentemente scomparsa, sono nomi essenziali della cultura urbana.

Artisti con le spalle al muro

Le Mans (Sarthe), non è sfuggita all’ondata dei puffi degli anni ’80. La compagnia di break dance Legiteam Obstruxion ha segnato l’inizio degli anni 2000 portando con sé decine di premi. Il sindaco socialista Stéphane Le Foll ha seguito il movimento e ha lanciato il festival Plein champ nel 2019.

Cosa rende unico l’evento? Riunire in un unico luogo, nel corso di un fine settimana, 90 artisti, 42 muri espressivi, dj set e workshop, spiegano il direttore artistico Étienne Kervella e l’assistente Mickaël Guihard. A Le Mans è un po’ una grande festa per gli artisti che possono dialogare e incontrarsi ma anche per il pubblico che ha accesso diretto all’arte senza dover aprire la porta di un museo, che per alcuni può essere un ostacolo.

Questo festival all’aria aperta, su sedici ettari di verde nel centro della città, permette a tutte le generazioni, per accedere al processo di creazione delle opere visive . Gli affreschi realizzati su pareti di cemento misurano 6 m di larghezza per 2,5 m di altezza. I quattro ospiti di fama internazionale parlano su un cubo di 10×10 metri.

Tra questi, l’artista poliedrico Grems che ha realizzato il visual del festival e un affresco in uno dei tunnel del circuito della 24 Ore di Le Mans e che propone, oltre alla performance, un dj set.

Equità dell’artista

Plein champ, che difende l’uguaglianza degli artisti, continua a produrre progetti tutto l’anno per le strade della città. Nel 2022 Seth, ospite d’onore, ha firmato Anamorfosi, votato quinto affresco più bello del mondo. Il graffitista ha appena ultimato una nuova opera alta 30 metri, attualmente esposta anche al Petit Palais di Parigi.

Plein champ cresce in notorietà e riconoscimento nel settore e diventa il posto dove stare nell’ambiente che ha abbandonato l’underground e il suo lato sovversivo, per una migliore visibilità della sua espressione, sia poetica che politica.

Dal 5 al 7 luglio 2024, al parco Gué de Maulny, a Le Mans (Sarthe). Gratuito.

-

PREV Cannes. Paul Pacini a sa place…
NEXT Vicino a Cholet, nonostante i lavori in fabbrica, le case saranno fornite di acqua potabile