Regolamento di controllo provvisorio sulla gestione delle acque piovane

Regolamento di controllo provvisorio sulla gestione delle acque piovane
Regolamento di controllo provvisorio sulla gestione delle acque piovane
-

La gestione delle acque piovane: un elemento chiave nello sviluppo sostenibile della città

L’adattamento ai cambiamenti climatici pone sfide per i comuni, in particolare in termini di gestione delle acque piovane. Stiamo infatti assistendo a precipitazioni sempre più abbondanti. Questi aumentano il livello dei corsi d’acqua e aumentano la quantità di acqua nel sistema fognario. Di conseguenza, alcuni settori della città sono soggetti a traboccamenti.

Precipitazioni estreme

+

Portata e livello dei corsi d’acqua

=

Straripamenti e denunce in aumento

Nel 2021 e nel 2023, la città ha pagato 1,1 milioni di dollari per 1.079 sinistri relativi a traboccamenti. Di questi, 710 sono dovuti a forti piogge. Queste statistiche, che dimostrano la difficoltà delle infrastrutture nel rispondere alle nuove realtà climatiche, devono essere prese in considerazione quando si pianifica lo sviluppo del comune.

Per seguire la crescita demografica della città e trovare soluzioni per arginare la crisi abitativa, è necessario considerare la capacità dell’acqua piovana e delle infrastrutture sanitarie.

Intervento nel settore dei fiumi Lacerte, Bettez e Milette

La gestione delle acque piovane a Trois-Rivières-Ouest è particolarmente problematica. Per ridurre il rischio di riflussi, il Comune sta lavorando attivamente a vari progetti nella zona dei fiumi Lacerte, Bettez e Milette. Fino al completamento di questi progetti, il Comune ha stabilito un regolamento di controllo provvisorio (RCI) per limitare gli scarichi nella rete fognaria.

Progetto di regolamento provvisorio di controllo dello scarico delle acque piovane nel settore dei corsi d’acqua di Bettez, Lacerte e Milette

Nell’area interessata, nuove costruzioni, ampliamenti o modifiche di edifici, sia residenziali che industriali, sarà autorizzato solo quando, dopo i lavori, il volume d’acqua reindirizzato in rete sarà pari o inferiore a quello precedente all’intervento.

Zona interessata dal RCI

Obiettivi :

Inasprire la normativa vigente in materia di scarichi, con l’obiettivo di:

  • Conservare gli ambienti naturali non sviluppati;
  • Limitare la mineralizzazione di determinati spazi.

Benefici :

  • Lasciare che quanta più acqua piovana possibile si infiltri naturalmente nel terreno;
  • Evitare di intasare inutilmente il sistema di raccolta delle acque meteoriche;
  • Proteggere le residenze da potenziali straripamenti a valle dei bacini idrografici.

Svantaggi:

  • Rifiuto di alcuni progetti residenziali o industriali quando hanno il potenziale per aumentare la superficie impermeabile del terreno;
  • Aumento della pressione sull’edilizia in altri settori.

Evitare la mineralizzazione, massimizzare la rivegetazione

Il principio dell’RCI adottato dal Comune è semplice: evitando la mineralizzazione delle superfici, ad esempio l’asfaltatura, permettiamo all’acqua piovana di infiltrarsi naturalmente nel terreno, evitando così di intasare ulteriormente la rete dell’acqua piovana. Allo stesso tempo, tale iniziativa rende possibile la conservazione degli ambienti naturali non sviluppati.

Applicazione dell’RCI

Esempi di progetti ammissibili ✅

  • La costruzione di un fabbricato o di una costruzione accessoria di 25 mq o meno (es. tettoia, pergolato, patio, ecc.), solo una volta per trama
  • L’installazione di una piscina (attrezzature e accessori, come patio e marciapiedi in cemento che accompagnano la piscina, non sono ammissibili)
  • Sostituzione dell’area parcheggio di una residenza unifamiliare
  • Lavori eseguiti all’interno di un edificio (es. ristrutturazione di una cucina)
  • Un progetto multi-housing su a terreno mineralizzato (ad esempio asfalto)
  • L’ampliamento di un edificio principale
  • La costruzione di un fabbricato o di una costruzione accessoria di superficie superiore a 25 mq
  • L’ampliamento di un’area parcheggio
  • Un progetto multi-housing su a terreno vegetato (es.: peloso)

Oltre a questi esempi, molti altri lavori sono coperti dall’RCI.

È necessario informarsi al 311 prima di realizzare qualsiasi progetto. I progetti che non sono soggetti alla RCI rimangono soggetti all’ottenimento di un permesso e al rispetto delle altre normative comunali applicabili.

I prossimi passi

Il 10 luglio alle 19 si svolgerà una sessione informativa presso il Complexe Laviolette di Trois-Rivières per consentire agli interessati di informarsi sulla RCI.

Delibera di intenzione di modificare il piano urbanistico 2 luglio 2024
Risoluzione di controllo provvisorio 2 luglio 2024
Sessione di informazione 10 luglio 2024
Avviso di movimento 20 agosto 2024
Progetto di regolamento 20 agosto 2024
regolamento 3 settembre 2024
Avviso pubblico di entrata in vigore 11 settembre 2024
*Il regolamento entra in vigore a partire dall’adozione della delibera del 2 luglio.

Misure di controllo provvisorie applicabili

Domande frequenti

Quando entrerà ufficialmente in vigore questa nuova normativa?

Ciò che è stato proposto per l’adozione il 2 luglio era la risoluzione di controllo provvisorio. Non appena sarà adottato, il suo contenuto e le sue norme entreranno in vigore. È possibile procedere in questo modo in caso di RCI per evitare che tra la delibera e l’adozione del regolamento si verifichi un flusso eccessivo di domande di autorizzazione, creando così congestione e il rischio che vengano svolti lavori non rispettosi delle norme. fuori.

Successivamente, alla fine dell’estate, verrà adottato il regolamento che sostituirà la delibera.

Quanto costerà mettere a norma gli impianti per porre fine a questa RCI?

Dato che la standardizzazione avrà luogo in un periodo lungo, è difficile stabilire con precisione gli importi necessari per porre fine a queste nuove regolamentazioni. Tutti i lavori futuri costeranno tra i 20 e i 40 milioni di dollari. In questo preventivo, la Città prevede in particolare i lavori sul 4° fiume e il potenziamento del bacino del Millette, vicino all’Università del Quebec a Trois-Rivières.

Ciò mette a repentaglio progetti per i quali sono già state concesse autorizzazioni?

No, le autorizzazioni già concesse restano valide nonostante l’entrata in vigore della delibera.

Nel breve termine si prevede di estendere questo tipo di regolamentazione ad altri settori?

No, a meno che non si verifichi altrove un problema simile a quello riscontrato nel settore Trois-Rivières-Ouest.

Per quanto tempo intendiamo mantenere in vigore l’RCI?

Data la complessità del sito e del problema, è difficile stabilire con precisione la durata di vita di queste norme. Prevediamo che, a seconda del lavoro da svolgere, potrebbero essere necessari dai 4 ai 5 anni. Ovviamente le condizioni climatiche possono cambiare la situazione e possono sorgere altri problemi.

Qual è la differenza tra RCI e moratoria?

Una RCI disciplina alcuni progetti, mentre una moratoria li avrebbe vietati. Questo è il motivo per cui la RCI è stata favorita. Inoltre, esistono delle esenzioni che consentono di realizzare determinati progetti quando lo scarico delle acque piovane non aumenta dopo il progetto.

Quali sono le esenzioni previste dalla RCI?

Sono infatti previste delle esenzioni. Eccoli :

  1. La costruzione di un nuovo edificio o costruzione accessoria di superficie pari o inferiore a 25 mq oppure l’ampliamento non superiore a 25 mq di un edificio o costruzione accessoria già esistente. Tale esenzione potrà essere concessa una sola volta sullo stesso terreno a decorrere dalla data di entrata in vigore del presente statuto;
  2. L’aggiunta, l’ampliamento, la modifica o la riparazione della disposizione di una superficie del terreno come un deposito, una superficie impermeabile, cementata, ghiaiosa o asfaltata, quando l’area destinata ai lavori è pari o inferiore a 25 m². Tale esenzione può essere concessa una sola volta sullo stesso terreno a partire dalla data di entrata in vigore del presente regolamento;
  3. Lo sviluppo di una superficie terrestre che sarà interamente boschiva, inerbita o ricoperta da piante;
  4. Il rifacimento di un manto stradale mediante sovrapposizione di un nuovo strato di pavimentazione su una pavimentazione esistente;
  5. Lo sviluppo di una spa o di una piscina. Restano invece soggette le attrezzature, le sistemazioni e gli accessi relativi alle piscine, a meno che non beneficino dell’esenzione prevista dalle esenzioni 1 o 2;
  6. La sostituzione di un edificio accessorio, una costruzione accessoria, l’accesso all’edificio o alla piscina con un altro edificio accessorio, una costruzione accessoria, l’accesso all’edificio o alla piscina dello stesso tipo, della stessa superficie e della stessa ubicazione.
È la prima volta che a Trois-Rivières si applica un regolamento del genere?

SÌ. Tuttavia, gli standard sugli scarichi fognari sono già applicati a progetti su larga scala. Gli standard RCI si applicano a più progetti e sono più rigorosi.

-

PREV Giochi Olimpici di Parigi 2024. Un uomo si filma alla guida di uno scooter sulle piste olimpiche: quali sono le regole?
NEXT Rouen: incriminato un medico, preso di mira da una decina di denunce per stupro e violenza sessuale