Elezioni legislative 2024: il PS teme che si profila un’alleanza a lungo termine tra repubblicani e RN: Notizie

-

Il Partito socialista lancia l’allarme. Secondo Pierre Jouvet, segretario generale del PS, l'”ambiguità” di alcuni candidati LR fa temere che molti di loro aderiranno al Raggruppamento Nazionale alla fine delle elezioni legislative. Commenti raccolti da BFMTV martedì 2 luglio, rappresentativi del disagio.

Di tutte le possibilità delineate dalla campagna legislativa, un’alleanza a lungo termine tra alcuni funzionari eletti dalla LR e l’Raggruppamento Nazionale per costituire la maggioranza nell’Assemblea Nazionale sembra essere una delle più probabili. Almeno agli occhi del Partito socialista, che lancia l’allarme. Pierre Jouvet, segretario generale del PS, ha avvertito martedì 2 luglio su BFMTV che nulla si può escludere perché “I repubblicani sono ambigui”. In questione, la riluttanza di alcuni candidati LR a ritirarsi per bloccare la RN.

“Temo che stiano nascondendo la realtà ai loro elettori”

“Temo che stiano nascondendo la vera realtà ai loro elettori e che si stiano preparando ad allearsi con Jordan Bardella”, si è lamentato Pierre Jouvet al microfono del canale d’informazione. Stessa storia con Johanna Rolland, prima vicesegretaria del PS, ospite martedì sera di BFMTV, e per la quale il partito di Marine Le Pen “osé” andare “cerca deputati della destra repubblicana” superato il secondo turno.

Sospetti alimentati dall’appello del presidente repubblicano Eric Ciotti alle truppe di Jordan Bardella prima del primo turno e dall’assenza di istruzioni di voto date dai membri del partito dopo il 30 giugno. Elementi ai quali si aggiunge il cristallizzarsi di critiche attorno al sindacato della sinistra, criticato soprattutto dalla destra, al punto che alcuni eletti esitano tra lasciar governare l’estrema destra e far posto al Nuovo Fronte Popolare.

“Si comincia con un dibattito interno ai repubblicani”

E alcune affermazioni non sono rassicuranti. Interrogato su questo argomento su BFMTV lunedì 1 luglio, Julien Aubert, vicepresidente dei repubblicani, ha stimato che “Fondamentalmente siamo di destra e quindi (…) alcuni dei nostri elettori vogliono che certe idee vengano applicate”. “Dal momento in cui la RN presenta un programma di destra, la destra, se è d’accordo con un certo numero [de mesures]dovrebbe presumere”ha dichiarato ancora.

Ma a certe condizioni, Julien Aubert sottolinea tuttavia: “Se dobbiamo avere la maggioranza (…) occorre prima un dibattito all’interno dei repubblicani”. Tra i sostenitori di una grande unione dei diritti e quelli di un chiarimento repubblicano le carte andrebbero comunque rimescolate.

pubblicato il 3 luglio alle 16:08, Joanna Wadel, 6Medias

suddividere

-

PREV Un attivista della France insoumise aggredito a Montbrison dai “sostenitori” del Raggruppamento Nazionale
NEXT il calendario del Poitiers Basket 86 per la stagione 2024-2025