Il calvario di Sophie nel tenere il crack fuori casa

-

Pubblicato il 3 luglio 2024 alle 05:30. / Modificato il 3 luglio 2024 alle 12:51.

È la storia di una discesa agli inferi che getta nello sconforto un’intera famiglia. Quella di Sophie*, 41enne di Ginevra, che ha visto suo marito, padre dei suoi due figli, sprofondare progressivamente nel consumo di crack fino a perdere l’equilibrio. Anche se questa droga che crea dipendenza fa regolarmente notizia, vuole parlare a nome delle “vittime collaterali”, le famiglie e i propri cari, che sopportano il peso delle conseguenze di questa piaga.

Dieci anni di relazione, un susseguirsi di alti e bassi e l’arrivo della droga che corrode gradualmente l’intimità, la vita familiare, la fiducia e le finanze. I ricordi si affollano nel cervello di Sophie mentre rimette in ordine i pezzi del puzzle, per comprendere le radici di questo “pasticcio”.

Tutte le novità a portata di mano!

Per soli CHF 29.- al mese avrai accesso illimitato a tutti i nostri articoli. Approfitta della nostra offerta speciale: il primo mese a soli CHF 9!

SOTTOSCRIVI

Buoni motivi per abbonarsi a Le Temps:
  • Accesso illimitato a tutti i contenuti disponibili sul sito.
  • Accesso illimitato a tutti i contenuti disponibili sull’applicazione mobile
  • Piano di condivisione di 5 articoli al mese
  • Consultazione della versione digitale del quotidiano dalle ore 22.00 del giorno precedente
  • Accesso agli integratori e a T, la rivista Temps, in formato e-paper
  • Accesso ad una serie di vantaggi esclusivi riservati agli abbonati

Sei già abbonato?
Per accedere

-

PREV Telefoni, computer… La corte di Bobigny donerà i suoi sigilli alle associazioni
NEXT Elezioni legislative 2024: maggioranza assoluta, governo di minoranza, governo tecnico… gli scenari dopo il secondo turno