Marine Le Pen mette in guardia i macronisti dal “colpo di stato amministrativo”, l’Eliseo invita al “sangue freddo”

Marine Le Pen mette in guardia i macronisti dal “colpo di stato amministrativo”, l’Eliseo invita al “sangue freddo”
Marine Le Pen mette in guardia i macronisti dal “colpo di stato amministrativo”, l’Eliseo invita al “sangue freddo”
-

Par Le Figaro con l’AFP

Pubblicato
ieri alle 23:59,

Aggiornamento 2 ore fa

” data-script=”https://static.lefigaro.fr/widget-video/short-ttl/video/index.js” >

Martedì l’Eliseo ha invitato Marine Le Pen a mostrare “freddezza” dopo aver messo in guardia contro un presunto “colpo di stato amministrativo” da parte del campo macronista attraverso un’ondata di nomine prima di una possibile coabitazione.

Martedì Marine Le Pen ha messo in guardia contro “colpo di stato amministrativo” del campo macronista che, a suo avviso, prenderebbe in considerazione un’ondata di nomine prima di una possibile coabitazione, suscitando un fermo chiarimento da parte dell’Eliseo che lo ha invitato a manifestare “sangue freddo”.

“Corre voce che il Presidente della Repubblica prenderebbe in considerazione domani (mercoledì), cioè quattro giorni prima del ballottaggio, di nominare il direttore generale della polizia nazionale, mentre resterà in carica fino alla fine delle Olimpiadi , e il direttore della gendarmeria nazionale”ma anche “decine di prefetti”ha spiegato il leader del Raggruppamento Nazionale su France Inter.

“Colpo di stato amministrativo”

Secondo diverse fonti coerenti, è prevista presto una tornata di nomine al Consiglio dei ministri, forse già mercoledì. Anche i capi della polizia e della gendarmeria dovranno essere sostituiti perché vanno in pensione e sono rimasti in carica fino alla fine dei Giochi Olimpici. Per il presidente dei deputati del partito di estrema destra, “l’obiettivo” sarebbero appuntamenti così affrettati “per impedire a Giordano Bardella di governare il Paese come vuole”se domenica la RN ottenesse la maggioranza nel secondo turno delle elezioni legislative.

“È una forma di colpo di stato amministrativo”pensò, sperando “che queste sono solo voci”. Per il suo alleato Éric Ciotti, questo testimonia a “panico generale” versare “riportare a casa i propri cari”. L’Eliseo ha diffuso un aggiornamento delle stime “che essere responsabili richiede compostezza e moderazione”. “Fa grandi gesti, grandi parole per cercare di mascherare il panico che è suo”ha reagito anche il primo ministro Gabriel Attal mentre era in viaggio a Chartres.

La presidenza accusa innanzitutto la RN di aver agito rapidamente pianificando l’arrivo di Jordan Bardella a Matignon, ricordando che solo il capo dello Stato può nominare un primo ministro. “Come ha indicato, lo farà dopo le elezioni legislative in base alla composizione dell’Assemblea nazionale che i francesi avranno eletto”hanno spiegato le persone intorno a lui.

“Inoltre, l’articolo 13 della nostra legge fondamentale prevede che il capo dello Stato nomini cariche civili e militari come i prefetti durante il Consiglio dei ministri che presiede”ha sottolineato l’Eliseo. “Sono 66 anni che ci sono nomine e movimenti ogni settimana, soprattutto in estate, indipendentemente dai momenti politici vissuti dalle nostre istituzioni, e non è in alcun modo previsto che nessuna di queste disposizioni possa cambiare nei prossimi mesi”.

-

PREV Il Rennes “non vuole vendere” e “conta” su Benjamin Bourigeaud
NEXT vandalizzate due panchine in omaggio alle vittime del femminicidio e dei colori LGBT+, il municipio sporge denuncia