Festival di Bayonne 2024: “un dispositivo (di sicurezza) di certa efficacia” mantenuto nonostante il contesto

Festival di Bayonne 2024: “un dispositivo (di sicurezza) di certa efficacia” mantenuto nonostante il contesto
Festival di Bayonne 2024: “un dispositivo (di sicurezza) di certa efficacia” mantenuto nonostante il contesto
-

Non meno di 900 persone saranno mobilitate quest’anno per la sicurezza delle vacanze di Bayonne, ha annunciato martedì il sottoprefetto del distretto in una conferenza stampa. Secondo Fabrice Rosay, questo dispositivo lo è “adattato all’evento, alla sua portata e alla sua partecipazione”. Un anno dopo la omicidio di Fabrice Lanièsla prima sera dei festeggiamenti del 2023, davanti alla sua abitazione, il le risorse umane rimangono le stesse degli anni precedenti, ma sono stati apportati adeguamenti materiali e strutturali. Anche la prevenzione degli attacchi sessisti e sessuali è stata rafforzata, assicurano le autorità, mentre l’edizione precedente era stata rafforzata 5 denunce di stupro.

520 addetti alla sicurezza, un minimo da non superare

Nonostante i Giochi Olimpici di fine mese, i Festival di Bayonne potranno beneficiare della stessa mobilitazione di servizi statali degli anni precedenti. Durante i cinque giorni festivi sono impegnate ben quattro società CRS, tre notturne e una diurna. Questi 280 agenti vanno a rafforzare i 120 agenti della polizia nazionale mobilitati, ai quali si aggiungono il personale della gendarmeria per i controlli stradali periferici, gli agenti doganali, la polizia di frontiera, la sicurezza ferroviaria e i soldati del sistema Sentinelle. In totale sono integrati nel sistema non meno di 520 addetti alla sicurezza, oltre agli agenti di polizia municipale e ai servizi di sicurezza privati ​​impiegati dal municipio. Un numero adeguato, secondo il prefetto, ma anche un piano. Se alla fine le società CRS dovessero essere chiamate a chiedere rinforzi altrove, “sarà complicato da mantenere” l’evento, riconosce il rappresentante dello Stato.

La preoccupazione principale “è la gestione dei flussi, degli spostamenti delle persone” in una città, strade, piazze, una configurazione di Bayonne che non lo fa “non è adatto a una tale massa di persone”, ricorda Fabrice Rosay, mentre 1,3 milioni di Festayre sono stati conteggiati l’anno scorso. E se il sistema mira a rispondere a questo problema, “non siamo mai al sicuro dalle difficoltà che possiamo incontrare in un dato momento in un determinato luogo”, riconosce, aggiungendo che il i momenti e i luoghi più sensibili sono chiaramente identificati. È anche per facilitare questi flussi, liberando i ponti Saint-Esprit e Mayou, così come l’inizio dei viali Boufflers, che il luna park è stato diviso in due e in parte spostato.

Un drone per completare il sistema di videosorveglianza

Il sistema si basa anche su un importante dispositivo di protezione video che si basa sul 115 telecamere multidirezionali della Città, installato tutto l’anno all’interno del perimetro dei Festival e regolarmente ampliato, a cui si aggiungono dispositivi di cattura della polizia nazionale e, per la prima volta quest’anno, un drone. Tutto viene gestito dal PC di sicurezza installato nella Maison des Associations di Glain per le Vacanze. Questo sistema di sorveglianza, descritto come “dispositivo di sicura efficacia”, di Jean-René Etchegaray, sindaco di Bayonne, ci permette di intervenire il più rapidamente possibile sui punti di attrito. Permette inoltre, a posteriori, di identificare gli autori di delitti o crimini. Ciò è stato particolarmente vero, afferma Jérôme Bourrier, pubblico ministero di Bayonne, nel caso Patrice Laniès: “lo sfruttamento della protezione video è stato un elemento di grande importanza” nell’indagine.

L’anno scorso sono state presentate anche cinque denunce per stupri presumibilmente commessi durante le vacanze, almeno una delle quali è stata archiviata, dice il pubblico ministero, mentre altre, invece, hanno dato luogo all’apertura dell’informativa giudiziaria. IL è stato rafforzato il sistema di prevenzione della violenza sessista e sessuale quest’anno assicurano il municipio e il sottoprefetto. “Abbiamo professionalizzato le cose”, spiega Christian Millet-Barbet, vicesindaco incaricato della pubblica sicurezza. Dipendenti formati dell’associazione Atherbea, pagati dal Comune e dallo Stato, interverranno per svolgere attività di prevenzione presso lo stand dell’associazione Maina (lato facoltà), raccogliere eventuali vittime e compiere saccheggi in città.

Applicazione del sistema Angela contro la violenza sessuale

Inoltre, il sistema nazionale Angela sarà schierato a Bayonne durante queste vacanze. È luoghi di rifugio individuati, negozi, bar, alberghi, il cui personale è addestrato a raccogliere e portare in salvo le persone che hanno subito aggressioni o che si sentono in pericolo. Un sistema per prevenire gli attacchi sessisti e sessuali che non lo fa “Non sarà mai abbastanza finché ci saranno gli attentatiriconosce il sottoprefetto. Questo è lo stato d’animo che deve cambiare, possiamo fare festa senza essere sessualmente aggressivi nei confronti di una giovane donna o di un giovane uomo.”

Dal punto di vista sanitario, il sistema di sicurezza Bayonne Holiday è completato da 380 persone dedicate ad aiutare le persone : 100 vigili del fuoco, 30 membri del personale della SAMU (medici, infermieri e operatori sanitari), 150 membri della Croce Rossa e 100 della protezione civile. Ancora una volta, mezzi simili agli anni precedenti.

-

PREV Buon affare a Nancy: i commercianti del centro città organizzano per due giorni un grande evento di disimballaggio
NEXT Airbus annuncia un contratto da 2,1 miliardi di euro con l’esercito tedesco per satelliti militari