Svizzera: lanciata l’iniziativa per vietare le armi nucleari

Svizzera: lanciata l’iniziativa per vietare le armi nucleari
Svizzera: lanciata l’iniziativa per vietare le armi nucleari
-

Lanciata un’iniziativa per vietare le armi nucleari in Svizzera

Se alla fine di marzo il Consiglio federale si è rifiutato di rivedere la propria posizione sul Trattato delle Nazioni Unite sulla proibizione delle armi nucleari, questa iniziativa mira a cambiare la situazione.

Pubblicato oggi alle 14:30

Iscriviti ora e goditi la funzione di riproduzione audio.

BotTalk

La Svizzera deve aderire al Trattato delle Nazioni Unite sulla proibizione delle armi nucleari (TPNW). L’Alleanza per la proibizione delle armi nucleari ha lanciato martedì un’iniziativa popolare federale in questa direzione.

Il TIAN è stato negoziato in sede ONU nel 2017. La Svizzera ha svolto un ruolo importante in questi negoziati, prima di rifiutarsi di firmarlo nel 2018. Il trattato prevede un bando globale ed esplicito delle armi nucleari, vietandone l’uso, la minaccia di utilizzo, la fabbricazione, stoccaggio, acquisizione, possesso, stazionamento, trasmissione e test di armi nucleari.

Entrato in vigore nel 2021, è stato ratificato da 70 stati, tra cui Irlanda e Austria, ma non dalle potenze nucleari né dalla maggior parte dei loro alleati europei o occidentali. Alla fine di marzo il Consiglio federale ha rifiutato di rivedere la propria posizione, ritenendo che l’adesione alla TIAN non fosse nell’interesse della Svizzera.

Il consigliere di Stato Carlo Sommaruga (PS/GE) ha ricordato la sua mozione a favore dell’adesione al Trattato adottato dal Parlamento nel 2018. Ora i cittadini dovranno votare per superare il rifiuto del Consiglio federale di attuare la volontà del Parlamento.

Anche se il disarmo nucleare continua a essere una priorità della politica estera svizzera, “chiediamo che alle parole seguano finalmente i fatti”, ha aggiunto Annette Willi, della Campagna internazionale per l’abolizione delle armi nucleari (ICAN), una coalizione di ONG che si battono per il disarmo nucleare.

“Vera minaccia”

“La minaccia delle armi nucleari è reale e non è mai stata così grande da molto tempo”, secondo Sommaruga. In questo contesto, “il TIAN annuncia un cambiamento di paradigma necessario e urgente nel campo del disarmo nucleare”, ha affermato. “Più stati lo sostengono, maggiore è la pressione sulle potenze nucleari”.

Le armi nucleari sono per loro natura contrarie ai principi del diritto internazionale umanitario, ha sottolineato il consigliere nazionale Marc Jost (PEV/BE). Uccidono indiscriminatamente, non rispettano il principio di proporzionalità, causano sofferenze inutili e violano i diritti umani più fondamentali alla vita e alla sicurezza.

Secondo la commissione, il mancato rispetto del trattato rompe con la tradizione della Svizzera e mina la sua credibilità in termini di neutralità e aiuto umanitario. La Svizzera deve impegnarsi attivamente nella promozione della pace e della sicurezza a lungo termine.

L’iniziativa per vietare le armi nucleari ha risonanza tra i partiti. A sostenerla sono anche l’ex consigliera federale Micheline Calmy-Rey (PS), la presidente del Vert-es Lisa Mazzone, l’ex consigliere nazionale Dominique de Buman (PDC/FR) e Jacques Dubochet, premio Nobel per la chimica 2017 .

L’alleanza riunisce inoltre più di 20 organizzazioni, tra cui l’ICAN e il Gruppo per una Svizzera senza esercito (GSsA). Il comitato ha tempo fino al 2 gennaio 2026 per raccogliere 100.000 firme.

Notiziario

“Ultime notizie”

Vuoi restare aggiornato sulle novità? “24 Heures” ti propone due appuntamenti al giorno, direttamente nella tua casella di posta elettronica. Per non perderti nulla di ciò che accade nel tuo Cantone, in Svizzera o nel mondo.

Altre newsletter

Per accedere

ATS

Hai trovato un errore? Segnalacelo.

3 commenti

-

PREV Circoli mediatici su Saint-Dizier
NEXT Elezioni legislative: la scommessa perduta di Anne-Laurence Petel, candidata macronista che ha rifiutato di ritirarsi nonostante il 3° posto