Venice-en-Québec riceve la visita di un baronetto

Venice-en-Québec riceve la visita di un baronetto
Venice-en-Québec riceve la visita di un baronetto
-

Il baronetto Sir De Villiers Graaff era di passaggio a Venise-en-Québec il 6 giugno. L’uomo riconosciuto come uno dei produttori di vino più prestigiosi del Sud Africa è stato ricevuto al ristorante La Cache sul lago Champlain. Era stata prevista una cena gourmet che abbinasse vini e piatti del ristorante. Era la sua prima visita ufficiale in Quebec.

Un baronetto è una persona che detiene un titolo nobiliare britannico. Sir de Villiers Graaff è il quarto baronetto della sua famiglia, il suo bisnonno è stato nominato baronetto dal re Giorgio V nel 1911. Da allora il maggiore della famiglia ha assunto il titolo.

L’aereo di Sir De Villiers Graaf atterrò a Montreal il 6 giugno. L’uomo ha fatto tappa a Venise-en-Québec, ma il giorno dopo ha avuto un grande evento nella metropoli. “Sono a Montreal per vendere il vino della mia tenuta The Grendal, ma anche per vendere il vino del Sud Africa in generale. Sono qui con un gruppo di 12 produttori di vino del Sud Africa. Stiamo facendo un viaggio di marketing internazionale insieme come collettivo. Penso che abbiamo un impatto maggiore come gruppo piuttosto che come produttore individuale”, spiega.

Durante il suo soggiorno, ha incontrato professionisti del vino e ha presentato i suoi prodotti al pubblico del Quebec. L’evento è stato organizzato in collaborazione con la Société des alcools du Québec (SAQ). Il collettivo di cui fa parte si chiama Premium Independent Wineries of South Africa (PIWOSA).

In Quebec, la sua agenzia si chiama IVSP – Private Importation of Exceptional Wines e ha sede a Saint-Jean-sur-Richelieu.

Vigneto

Il 53enne vive in Sud Africa e gestisce De Grendal Wines, una tenuta di 400 ettari sulle montagne vicino a Città del Capo. Il territorio è circondato da un’area ultraprotetta dal Sud Africa e dall’UNESCO, poiché vi si trovano fiori unici al mondo. I viticoltori quindi non possono utilizzare insetticidi e lavorano in modo biologico. L’azienda è autosufficiente anche dal punto di vista elettrico grazie a numerosi pannelli solari.

Poiché la zona è bagnata dall’Oceano Atlantico, riceve correnti d’aria molto violente, chiamate dottore del capo. Questi venti possono essere molto distruttivi, ma sono benefici per le viti perché tengono lontana l’umidità. Oltre alle attività vitivinicole, nella tenuta sono presenti diversi animali e alberi da frutto.

Percorso

“Il mio bisnonno acquistò la fattoria nel 1890, ma l’azienda agricola fu fondata nel 1720. Prima di lui ci sono stati molti proprietari. Quando rilevò l’azienda agricola nel 1890, non c’erano vigne. Quindi per la sua generazione e quella successiva, ovvero mio nonno, hanno allevato pecore, bovini e mucche da latte. Poi mio padre è subentrato nel 2000 ed è stato il primo a piantare la vite”, racconta il baronetto.

Sir De Villiers Graff è entrato nell’azienda agricola nel 2011 e ne è diventato proprietario nel 2015, alla morte del padre.

L’agricoltore gestisce anche una fondazione per aiutare i giovani che lottano con problemi di dipendenza. Ha anche aperto il famoso ristorante De Grendal nel 2012 e ha lanciato diversi progetti di empowerment.

Ambizioni politiche

Sir De Villiers Graff proviene da una famiglia fortemente coinvolta nella politica. Il suo bisnonno, il nonno e il padre erano tutti parlamentari. Suo nonno guidò l’opposizione parlamentare all’apartheid per 21 anni.

Alla domanda sulle sue ambizioni politiche, il baronetto di quarta generazione ha risposto che gli piacerebbe fare il salto in politica, ma che non sa quando.

“Ogni 10 anni mi dico che entrerò in politica. All’inizio mi sono detto che sarei andato sui trent’anni e quando avevo trenta, mi sono detto che sarebbe stato sui quaranta. Ecco, ho cinquant’anni e mi dico che forse sarò a 60. Continuo a rimandare”, dice ridendo.

-

PREV Un’indagine per omicidio colposo è stata aperta dopo la morte del bambino dimenticato in un’auto
NEXT Concerto dell’Orchestra Nazionale dell’Ile-de-France