Le Mans. Rilancia l’Associazione Centro Sociale Sud

Le Mans. Rilancia l’Associazione Centro Sociale Sud
Le Mans. Rilancia l’Associazione Centro Sociale Sud
-

A illustrare i progetti è Sylvie Renou, la nuova presidentessa dell’Associazione locale del centro sociale dei quartieri meridionali.

Lei ha assunto la carica di presidente dell’associazione a dicembre dopo difficoltà?

L’associazione locale del centro sociale del sud ha vissuto per due anni difficoltà con l’Unione Mancelle dei Centri Sociali (UMCS). Questo è il motivo per cui l’assemblea generale del 2022 non ha avuto luogo. Il presidente Bernard Bousmaha si è dimesso l’8 dicembre 2023. Il 18 dicembre 2023 ha avuto luogo una riunione del consiglio, data in cui sono stato eletto presidente. Da allora mi impegno ogni giorno per far ripartire l’associazione locale per realizzare azioni legate al centro sociale. Il nostro consiglio direttivo è composto da tredici nuove persone e due associazioni. Siamo partiti bene con l’UMCS.

Conosci bene il quartiere. Una risorsa per te?

Vivo lì da 53 anni e ho fatto volontariato per 30 anni. Ma il quartiere si è evoluto, la popolazione è cambiata. Bisogna fare delle concessioni per adattarsi a tutti. E nonostante le difficoltà incontrate, il numero degli iscritti è aumentato del 61%. Abbiamo registrato 242 adesioni, ovvero 426 persone con 77 adesioni familiari, 153 adesioni individuali e 12 adesioni ad associazioni. Per me è importante che ci sia anche una buona coesione tra il centro sociale, il MJC Ronceray e la Maison pour tous Jean-Moulin. Ciascuna delle strutture ha le sue specificità. Il centro sociale può fornire aiuto ai residenti.

Come pensate di agire per rilanciare l’associazione?

Realizzando azioni di comunicazione per farsi conoscere e invogliare i residenti a venire. Il successo del festival interculturale del 1È Giugno mi rende ottimista perché la mobilitazione è stata molto importante. Si segnalano, però, alcune preoccupazioni da parte dei soci durante la presentazione del rendiconto finanziario del centro sociale dei quartieri meridionali gestito dall’UMCS. Nel 2023, infatti, era in deficit di 71.658 euro, a causa di oneri eccezionali. Saranno 61.690 euro nel 2024, a seguito di una riforma del contratto collettivo che ha portato ad un aumento delle retribuzioni del personale. L’associazione non riceve alcun sussidio.

Centro sociale dei quartieri meridionali, 20, boulevard des Glonnières, Le Mans. Come. 02 43 50 17 90.

-

PREV Bersagliato da denunce di molestie e aggressioni, il leader del coro di bambini messo “ritirato”
NEXT al Confort moderne, Madeleine Mathé vuole creare legami tra musica e arti visive