Sarthe. Perché lunedì i dipendenti della Posta hanno scioperato?

Sarthe. Perché lunedì i dipendenti della Posta hanno scioperato?
Sarthe. Perché lunedì i dipendenti della Posta hanno scioperato?
-

Par

Maxime Davoust

pubblicato su

24 giugno 2024 alle 16:15

Vedi le mie notizie
Segui le notizie Le Mans

IL dissoluzione Di L’assemblea nazionale e il elezioni legislativeil 30 giugno e il 1° luglio, comportano conseguenze per i dipendenti del gruppo L’ufficio postale.

I postini sono responsabili della distribuzione di milioni di buste elettorali contenente il professioni foi candidati e, ove applicabile, il schede elettorali.

Delle avvisi nazionali sono stati archiviati ma anche a livello dipartimentale. In Sarthe, una sciopero interessa diversi siti, questo lunedì 24 giugno: Monthéard e l’università di Mans, Sainte-Jamme-sur-Sarthe, La Suze-sur-Sarthe et Sillé-le-Guillaume.

Nessun “riconoscimento” ma straordinari

Già al momento delle elezioni Europeo, “Non c’era nessun riconoscimento di La Poste per questi postini”, ricorda Fabrice Garnier, segretario della CGT FAPT 72. “Se non col tempo, ma non è questo che chiediamo. »

IL consegna della posta potrebbero avere ripercussioni a livello locale. “Non c’era picchetto ovunque, ma i servizi erano interrotti. »
Ciò è particolarmente vero per la piattaforma dell’università che serve le comunità circostanti.

Video: attualmente su -

Come avviene la distribuzione?

Le Poste hanno solo pochi giorni per inviare le professioni di fede a ciascun elettore. Una corsa contro il tempo che inizia nelle tipografie, come qui a Dieppe.

“Oggi riceviamo le buste elettorali nei centri postali. Arrivano prima a Le Mans, spiega Fabrice Garnier. “Vengono poi inviati in altri centri del dipartimento. E vengono elaborati dai postini. »
Si occupano anche delle rispedizione.

Pochi giorni per spedire il tutto

“Sono stufi, vogliono dire basta, per avere un riconoscimento migliore rispetto al sovraccarico che questo genera. »

Il loro compito è reso ancora più difficile dal verificarsi di queste elezioni “a sorpresa”, all’inizio delle vacanze estive.

“Nel secondo turno”, precisa il segretario della CGT, “avremo forse le buste solo da mercoledì nel migliore dei casi, o giovedì, quindi un tempo molto più breve per la distribuzione”.

“È integrato nel carico di lavoro quotidiano”

In precedenza “non c’era alcuna preoccupazione particolare”, ricorda Fabrice Garnier. “Ora è integrato nel carico di lavoro quotidiano. »

Per il momento viene offerta solo un’indennità ai dipendenti che lavorano nei consueti giorni di riposo. I sindacati chiedono un risarcimento da 500 a 600 euro per il primo e il secondo turno.

“Siamo a corto di personale da diversi anni”

“L’azienda non ha i mezzi per assorbire un simile carico di lavoro”, si lamenta Fabrice Garnier. “Siamo a corto di personale da diversi anni. »

A Le Mans, il sito ha registrato 12 assunzioni dall’inizio del 2024, per un totale di 40-60 lavoratori temporanei.

Questo lunedì, altri centri dei Paesi della Loira sono stati colpiti da questo sciopero: a Nantes, Angers o Laval.

Lo sciopero sarà rinnovato?

Questo lunedì 24 giugno, nel pomeriggio, una delegazione di postini è stata ricevuta dalla direzione. “Sebbene siano state avanzate alcune proposte, non sono ancora all’altezza delle richieste espresse”, indica la CGT.

Resta valido il bando dipartimentale: martedì mattina gli impiegati delle poste si riuniranno all’inizio del turno per votare sul rinnovo dello sciopero.

Segui tutte le notizie dalle tue città e media preferiti iscrivendoti a Mon -.

-

PREV Vacanze estive: preparatevi bene con i consigli delle usanze francesi
NEXT Diritti TV calcio: offerta da 100 milioni di euro da BeIN Sports per una partita e diritti di sponsorizzazione