Un’estate a Le Havre. Visione a 360° della città con l’opera “Sur Le Toit”, tra urbanistica e vegetazione

Un’estate a Le Havre. Visione a 360° della città con l’opera “Sur Le Toit”, tra urbanistica e vegetazione
Un’estate a Le Havre. Visione a 360° della città con l’opera “Sur Le Toit”, tra urbanistica e vegetazione
-

Par

Jessie Leclerc

pubblicato su

24 giugno 2024 alle 9:39

Vedi le mie notizie
Segui 76-

Nato da una collaborazione tra la Cité des sciences et de l’industrie e Un Été au Havre, i lavori in giardino Sul tettorealizzato dal collettivo omonimo e collocato all’ultimo piano del parcheggio Effia Vauban ai Docks du Havre (Seine-Maritime), unisce un luogo di riposo e luogo di vegetazione sul catrame.

Un giardino in cima ad un parcheggio

È un progetto architettonico ambizioso. Sul tetto è “un giardino su una lastra minerale, come un’utopia, ma molto reale”, spiega Gaël Charbau, direttore artistico di Un Été au Havre. Con l’innalzamento del livello delle acque sorge spontanea la domanda: “Riuscirà l’artificiale a nutrirci?”. Il collettivo si interroga su questa domanda con questo lavoro che ne contiene numerosi piante commestibili : zucca, rabarbaro, zenzero.

Sul tetto si trova un progetto architettonico che porta la vegetazione in città nel parcheggio Docks Vauban, nell’ambito di Un Été au Havre 2024. (©JL/76-)

Una visione a 360° della città ricostruita

Il punto forte dell’opera è, senza dubbio, il suo punto panoramico a 7 metri dall’alto sopra il parcheggio che offre a vista mozzafiato su Le Havre. “Lassù la gente prende una boccata d’aria fresca. » I visitatori possono anche “sedersi e non fare nulla, semplicemente godersi la vita e prendersi una pausa”.

Attività Verranno organizzati in loco per tutta l’estate quali laboratori, spettacoli o workshop. “La struttura sarà viva”, precisa Gaël Charbau.

Video: attualmente su -

Trovate tutte le opere dell’ottava stagione di Un Été au Havre sul sito.

Segui tutte le notizie dalle tue città e media preferiti iscrivendoti a Mon -.

-

PREV Cerimonia del 14 luglio: premiati quattro studenti delle scuole superiori
NEXT Millau. Una nuova edizione “ancora più incentrata sulla condivisione”