I conducenti del corrimano percorrono allegramente la linea ferroviaria Gaspé

-

I carrelli a mano sono vecchi veicoli utilizzati per la manutenzione ferroviaria. A partire dalla metà degli anni ’70 furono sostituiti da furgoni più versatili che circolavano su rotaie.

Sette di questi proprietari provengono dal Quebec, tre dall’Ontario, tre dagli Stati Uniti e uno dal New Brunswick. Hanno dovuto viaggiare tra la loro città natale e New Richmond, punto di partenza delle loro due escursioni, su veicoli stradali trainando un rimorchio con sopra un carrello.

Per ragioni di sicurezza, il gruppo è accompagnato da due furgoni per tutta la durata del percorso New Richmond-Escuminac, una distanza di 45 miglia, il doppio di quella del ritorno. Questi furgoni appartengono alla Société du chemin de fer de la Gaspésie (SCFG), l’ente municipale che gestisce i treni nella penisola. I ferrovieri Clifton Firlotte e Mathieu Lagacé erano gli autisti di questi furgoni, uno prima dei vagoni a mano e l’altro in coda.

Chi possiede un carrello?

Chi possiede questi corrimano? Louis-François Garceau, membro fondatore di Draisines Québec, è un ferroviere nazionale canadese in pensione, mentre il suo compagno di escursione, Pierre Lassonde, è un ex operaio edile, anch’egli in pensione.

“Ho lavorato come gruista quasi ovunque. Ho sempre amato i treni. Questo è ciò che mi ha attratto dei carrelli a mano. Ho visto che esisteva un’associazione americana, la NARCOA (North American Rail Car Operators Association) e che i suoi membri venivano a viaggiare qui. Mi sono detto che dovevamo creare la nostra associazione. Lo abbiamo fatto nel 2004”, assicura il signor Lassonde.

David Sigafoose ha guidato 16 ore tra il New Jersey e Gaspésie per realizzare questa escursione. (Gilles Gagné/Collaborazione speciale)

L’americano David Sigafoose è partito dal New Jersey, a 16 ore di macchina da Gaspésie, per unirsi al gruppo coordinato da Louis-François Garceau.

“Quando avevo tre anni, mio ​​padre mi comprò un trenino elettrico e me ne innamorai subito. Questa passione mi segue da allora. Ho visto il mio primo carrello a mano nel 2000. Non sapevo che queste macchine potessero essere utilizzate in questo modo. Ho comprato il mio primo handcar nel 2001, il secondo nel 2004 e il terzo nel 2007, più grande. Ho fatto viaggi a Rivière-du-Loup, sulla Quebec North Shore e sulla Labrador Railway (tra Sept-Îles e Schefferville), sull’Ontario Northland. Questo è il mio secondo viaggio a Gaspésie”, afferma il signor Sigafoose, che ha partecipato all’escursione del settembre 2006.

Nato a Carleton e residente a Drummondville, Jean-François Boudreau è tornato alle sue radici per partecipare a questo viaggio. “Ho ancora il mio negozio di treni elettrici a Drummondville. Adoro ancora i treni e sono venuto a trovare mia nonna”, dice.

La famiglia composta da Anthony Lefebvre, 10 anni, e dai suoi genitori Caroline Trudel e Claude Lefebvre, di Saint-Stanislas, nell’Alta Mauricie, era al loro primo viaggio su un carretto.

“Quando l’ho visto, mi sono detto che dovevo comprarne uno”, riassume il signor Lefebvre, appassionato di treni di lunga data.

Anthony trova “interessante vedere come funziona. Amo ancora viaggiare e andare a scuola. I miei genitori mi fanno sempre segno di andare”, dice.

“Claude ha comprato il carrello in autunno. Stava pensando di riportarlo indietro in inverno, ma recentemente ha impiegato due settimane per farlo. Non lo odio (viaggiare su un carrello), ma mi diverto meno del mio ragazzo. Non uscirei tutti i fine settimana”, dice Caroline Trudel, sorridendo.

Caroline Trudel, Claude e Anthony Lefebvre fecero il loro primo viaggio a bordo di un carrello acquistato a Beauce, portando lettere di Jean-Marc Giguère, l’uomo d’affari, ora deceduto, che rilanciò la ferrovia Centrale del Quebec. (Gilles Gagné/Collaborazione speciale)

Il carrello Lefebvre-Trudel ha avuto alcuni problemi all’alternatore. La batteria quindi non si caricava, il che ostacolava l’avviamento. Accadde grazie alla compressione, per gentile concessione delle spinte energiche di Caroline.

Denis e Pierre-Luc Dumas, meccanici ferroviari molto competenti, uno in pensione della CN e l’altro molto attivo in questa compagnia, membri del terzo e quarto ferroviere, hanno visto qua e là occasioni per dare piccoli consigli e riparare alcuni elementi durante la giornata del sabato viaggio, un viaggio che ha avuto luogo in condizioni meteorologiche eccezionali.

Una certificazione necessaria

Chi può guidare un carrello? “Hai bisogno della certificazione NARCOA. Non è questione di sapere come azionare le tre leve di un handbike, è soprattutto questione di conoscere le regole di sicurezza”, spiega Louis-François Garceau, che ha appena venduto la sua handbike per una somma di 5.000 dollari. A 77 anni farà altre escursioni, sul carretto di un amico.

Potrebbe essere così anche per la coppia formata da Heather Kuhn e Brian Adams, di Alfred, Ontario. “Puoi dire nel tuo rapporto che il nostro carrello è in vendita?” lei chiede.

“Questo è il mio secondo viaggio a Gaspésie. Sono venuto una dozzina di anni fa”, dice il signor Adams a proposito di un’escursione avvenuta alla fine della primavera del 2011.

Ci vuole molta energia per girare un carrello a mano per tornare indietro. La macchina può pesare circa 500 chili.

Ci vuole molta energia per girare un carrello a mano per tornare indietro. La macchina può pesare circa 500 chili. (Gilles Gagné/Collaborazione speciale)

Tranne quando circolano ai passaggi a livello protetti da barriere o da personale ferroviario, danno la precedenza agli utenti della strada.

La linea ferroviaria è percorribile solo tra Matapedia e il settore Cap-Noir di New Richmond, con importanti lavori di riparazione in corso in diversi punti sulla precedenza della ferrovia Gaspé. I lavori annuali di manutenzione del sabato hanno limitato anche il viaggio del gruppo, costretto a tornare a Escuminac, mentre i “draisineurs” credevano fino a giovedì di poter andare a Matapédia, il che avrebbe aggiunto per due volte 25 miglia al viaggio (le ferrovie circolano ancora in miglia in Canada). Gli appaltatori di ristrutturazioni approfittano del fine settimana, un periodo più tranquillo per il trasporto delle merci per l’SCFG, per portare avanti i loro compiti.

I viaggiatori in treno sono appassionati? Domenica ripeteranno lo stesso percorso di sabato, con una piccola aggiunta verso Cap-Noir, dove i lavori di spostamento della ferrovia bloccano il passaggio di tutto il traffico verso Caplan da novembre 2023. La loro domenica sarà arricchita con una visita alla Ferrovia Officina di riparazione di attrezzature ferroviarie GD, New Richmond.

Pensionamento dopo 50 anni nel settore ferroviario

Per Clifton Firlotte, ferroviere con 50 anni di esperienza nel settore ferroviario, l’escursione alle Draisines Québec costituisce il capitolo finale della sua carriera.

“Ho iniziato nel giugno del 1974, all’età di 18 anni, come operaio edile raccordi (raccordi) e binari di carico per i clienti CN. Sono stato operatore di macchine, ispettore di ponti, operatore di treni. Ho lavorato per la CN, per la Société des chemins de fer du Québec, per la SCFG, per il Gruppo SEMA, che ripara ponti. Sono stato occasionale per un po’. Mi è piaciuto, ma adesso basta”, spiega.

Vivendo a Restigouche-Sud-Est, tra Matapédia e Pointe-à-la-Croix, è accompagnato per quest’ultimo fine settimana a bordo del suo vagone ferroviario da sua moglie Brigitte Kenny.

“Vogliamo prenderci cura delle nostre attività ricreative. Ho un tornio per il legno e ho iniziato a realizzare ciotole, non per vendere, ma per fare regali», conclude, sotto lo sguardo tenero di Brigitte, anche lei da poco in pensione, dopo 37 anni di lavoro in un supermercato.

-

PREV Tempesta Adrian: il futuro del museo Cocteau di Mentone è ancora in acque agitate
NEXT Concerto dell’Orchestra Nazionale dell’Ile-de-France