Questo fine settimana, il festival Shake Art colora Saint-Brieuc [En images]

Questo fine settimana, il festival Shake Art colora Saint-Brieuc [En images]
Questo fine settimana, il festival Shake Art colora Saint-Brieuc [En images]
-

Forniscono graffiti. Per quattro giorni, dal 20 al 23 giugno, una decina di artisti di strada e graffitisti francesi e internazionali invaderanno le strade di Saint-Brieuc, e più precisamente i loro muri. Con le loro creazioni adornano la città con i suoi colori più belli davanti agli sguardi incuriositi dei passanti. “È davvero magnifico”, esclama un’abitante di rue du Maréchal-Foch di ritorno dal mercato, quando vede l’opera di Damien Collet, Place de la Madeleine. Molti sono venuti anche apposta per fare il viaggio.

L’arte dà libero sfogo alla fantasia. Le visite guidate della città hanno permesso ai visitatori di scoprire dal vivo le performance degli artisti sulle mura, questo sabato 22 giugno (proseguono questa domenica). Molto interessati, hanno colto l’occasione per porre numerose domande e discutere con gli artisti di strada le loro scelte di creazione.

Ognuno ha la propria tecnica

Nadège Dauvergne si è stabilita all’Allée Marie-Le Vaillant per realizzare un affresco per quattro giorni. Lavora sul divisionismo, un movimento artistico in cui dipinge sovrapponendo i colori tramite linee: “Da vicino, non possiamo vedere tutto ma abbiamo accesso al DNA del colore. Da lontano, i colori sintetizzano. Possiamo comprendere quest’opera solo prendendo le distanze o attraverso una foto”, rivela davanti a una decina di visitatori.

Quando il muro sarà completamente dipinto, i passanti potranno vedere il tramonto, questo è il desiderio dell’artista di Oisian.

Se altri come Nora Simon creano collage, Milouz integra i passanti nel suo processo creativo colorando le pareti con i suoi spray. Così, sabato 22 giugno, a fine mattinata, ha invitato un giovane ragazzo a fare graffiti con lui, davvero felice di partecipare all’abbellimento del muro situato di fronte all’opera di Diaspora Crew, adiacente a rue Charbonnerie.

Arte per tutti

Oltre alle facciate colorate del centro cittadino e dei paesini, il parco del lungomare ospita un villaggio con diverse attività. L’atmosfera è cresciuta in crescendo durante tutta la giornata. A partire dalle 11, alcuni curiosi si sono fermati per seguire l’inizio del “contest” (concorso in francese) in cui tre graffitisti preselezionati in archivio realizzano dal vivo, davanti al pubblico, un’opera su un supporto murale di dimensioni 5 metri per 5 metri. Uno di loro aveva addirittura finito il suo lavoro intorno alle 16:30.

Selfie e commenti positivi stavano andando bene: “così bello”, “è fantastico”, “sono troppo forti”… Il vincitore della migliore creazione, scelto questa domenica, sarà invitato alla prossima edizione nel 2025.

Poiché non solo gli adulti possono creare e divertirsi, anche i bambini hanno potuto cimentarsi con i graffiti su dischi o con la pittura a spruzzo sotto gli occhi stupiti dei genitori. (Veri) futuri artisti!

Pratico

Si conclude questa domenica, 23 giugno, la seconda edizione del festival Shake Art. Durante tutta la giornata sono previsti intrattenimenti musicali, laboratori di scoperta, chiusura del “concorso” e visite guidate (11, Buongiorno mezzanotte; 15, Parc des Promenades).

-

PREV Ad Avignone gli artisti ucraini fanno sentire la loro voce
NEXT Parigi 2°: il nuovo stile Fontaine Gaillon Marie-Victorine | Il blog di Gilles Pudlowski