Riuscirà la Svizzera a sorprendere la Germania? – rts.ch

Riuscirà la Svizzera a sorprendere la Germania? – rts.ch
Riuscirà la Svizzera a sorprendere la Germania? – rts.ch
-

La 54esima Germania – Svizzera della storia (da seguire dalle 20:35 su RTS2), la prima in fase finale dai Mondiali del 1966, sarà una grande festa per i vicini? Tutto concorda affinché la partita di Stoccarda sia un successo.

Liberate dal peso della posta in palio con la qualificazione agli ottavi di questo Euro 2024 assicurata – anche se non è ancora ufficiale per la Svizzera – le 2 squadre lotteranno per il prestigio e per il 1° posto nel girone. A quattro giorni dal pareggio contro la Scozia che ci ha ricordato quanto sia stato grande Xherdan Shaqiri ma anche come il gioco della squadra svizzera possa crollare se Granit Xhaka non brilla, la Svizzera deve alzare il cursore.

È opportuno lanciare un messaggio al futuro avversario degli ottavi di finale, probabilmente l’Italia, per dimostrare loro che questa squadra svizzera può incutere timore anche se è stata, tra le 19 squadre qualificate direttamente a questo Europeo, quella che ha presentato più modesto foglio dei risultati…

Granit Xhaka si aspettava dietro l’angolo

Mercoledì Scott McTominay non si è arreso su Granit Xhaka. Domenica toccherà sicuramente al compagno di squadra di Xhaka al Leverkusen, Robert Andrich, fare la guardia. Dopo aver sorvolato la Bundesliga, dietro l’angolo sarà atteso il capitano della squadra svizzera. Per quanto riguarda Xherdan Shaqiri, c’è da scommettere che Murat Yakin gli darà un ruolo da jolly contro un avversario che cercherà di esercitare una presa molto netta fin dall’inizio.

Dopo aver vinto 5-1 sulla Scozia e 2-0 sull’Ungheria, la squadra guidata da Jürgen Nagelsmann ha dato il meglio di sé. In un modulo 4-2-3-1, il trio formato alle spalle di Kai Havertz da Florian Wirtz, Ilkay Gündogän e Jamal Musiala dà il massimo.

Ci vorrà quindi un’impresa XXL perché la Svizzera vinca per la decima volta contro la Germania. L’ultima vittoria è stata ottenuta il 26 maggio 2012 a Basilea, dove Eren Derdiyok ha segnato una tripletta. A Francoforte Murat Yakin cercherà di proteggersi dalla pressione che senza dubbio la Germania imporrà. Ma sa anche che si apriranno delle aperture per i suoi aggressori. Un Dan Ndoye troverà sicuramente un contesto favorevole per sfruttare la sua velocità.

ats/bur

#Swiss

-

PREV Spagna – Bahamas, la bellissima finale del Valencia TQO
NEXT RENNES METROPOLE: VITTIMA DI FURTO DI IDENTITÀ…PER UNA BUONA CAUSA STUDENTISTICA