A Noyalo, le restrizioni al traffico sul ponte non verranno rimosse

A Noyalo, le restrizioni al traffico sul ponte non verranno rimosse
A Noyalo, le restrizioni al traffico sul ponte non verranno rimosse
-

Un buco formatosi nella diga di Noyalo nel novembre 2022. Con un diametro di circa trenta centimetri, continua ad aumentare di dimensioni. Ovviamente, questo difetto è attentamente monitorato dai servizi idrici dell’agglomerato del Golfo di Morbihan Vannes (GMVA). La struttura è stata realizzata agli inizi degli anni ’60 e necessiterà di lavori la cui entità non è stata ancora misurata. Il divieto ponte sui veicoli pesanti e sul trasporto passeggeri durerà quindi per un lungo periodo. Proprio come la circolazione alternata delle auto e la chiusura dei parcheggi. Questa limitazione del traffico è una delle due misure adottate per evitare di accelerare il deterioramento della diga. “Allo stesso tempo, i nostri servizi lavorano per mantenere il livello dell’acqua il più costante possibile per evitare shock alla struttura. Con le forti piogge che abbiamo vissuto, ci sono state molte interruzioni di corrente”, spiega Gaëlle Le Roux, responsabile del servizio idrico della città.

Almeno un anno e mezzo da aspettare

Il bacino idrico di Noyalo svolge un ruolo importante per l’intera zona di Vannes. Lo stagno contiene 2,5 milioni di metri cubi d’acqua e la sua superficie si estende per 140 ettari. Quattro fonti lo alimentano. Permette all’impianto di acqua potabile ad esso annesso di coprire un quarto del fabbisogno dei 174.000 abitanti dell’agglomerato del Golfo di Morbihan Vannes (GMVA). “Rifornisce più o meno tutti i comuni situati a sud della RN165”, indica Thierry Eveno, il responsabile eletto della GMVA.

La comunità ha lanciato un bando di gara per uno studio di fattibilità della riqualificazione della diga. Il suo obiettivo è chiedere a un’azienda specializzata di presentare diversi scenari di lavoro. Se si scoprisse che la struttura fosse in pessime condizioni, la soluzione più radicale sarebbe quella di dover costruire una nuova diga. Ma non siamo ancora arrivati ​​a questo punto. Nel frattempo, i mezzi pesanti e gli autobus del trasporto scolastico non utilizzeranno nuovamente il ponte che serve nuovamente Noyalo. I risultati dello studio non saranno attesi prima di un anno e mezzo…

-

PREV Autain, Corbière, Simmonet… I dissidenti della LFI lanciano una “nuova forza politica” chiamata L’après
NEXT Concerto dell’Orchestra Nazionale dell’Ile-de-France