Scontri mortali a Madina Gounass: appello generale alla calma e alla consultazione

Scontri mortali a Madina Gounass: appello generale alla calma e alla consultazione
Scontri mortali a Madina Gounass: appello generale alla calma e alla consultazione
-

Gli sfortunati eventi di Madina Gounass, che hanno suscitato scalpore in Senegal, non hanno lasciato indifferenti le autorità pubbliche e i poteri pubblici. Hanno però invitato i protagonisti di questi scontri ad una pacificazione generale per permettere alle persone di convivere in pace.

I colloqui inizieranno “molto presto” per trovare una soluzione alla disputa tra le comunità religiose musulmane di Madina Gounass, città religiosa nel dipartimento di Vélingara, nella regione di Kolda (Sud), ha annunciato il ministro degli Interni, Jean-Baptiste Tine. “Mi sono recato a Madina Gounass martedì in seguito ai disordini che purtroppo hanno provocato un morto e una ventina di feriti, la maggior parte dei quali sono stati dimessi dalle cure”, ha dichiarato. Giunto nella città di Medina Gounass il giorno dopo gli scontri, il ministro degli Interni, Jean-Baptiste Tine, ha incontrato i generali del califfo di Medina Gounass, Thierno Amadou Tidiane Ba, e di Fouladou, Thierno Mounirou Baldé. “Se ci saranno misure da adottare, le prenderemo e in ogni caso, molto presto inizieranno le discussioni per trovare una soluzione duratura alla situazione a Medina Gounass”, ha assicurato il signor Tine. Il ministro dell’Interno ha sottolineato inoltre che in seguito a questi avvenimenti verrà aperta un’indagine e organizzato un incontro con le due guide religiose a Dakar per trovare una soluzione definitiva al contenzioso che oppone le due comunità a Medina Gounass. Il generale Tine ha anche indicato di aver sottolineato la scherzosa parentela tra i Serer e i Fulani per chiedere ai due Califfi di contribuire alla pacificazione di questa situazione religiosa. “Ho approfittato della scherzosa parentela tra i Fulani e i Serer per chiedere loro umilmente di fare di tutto per portare calma e serenità in questa regione a beneficio delle nostre popolazioni”, ha detto.

Da parte sua, anche il Quadro unitario dell’Islam in Senegal (Cudis), chiede una risoluzione duratura della controversia tra le comunità. “Chiediamo allo Stato del Senegal e all’intera comunità nazionale di mobilitarsi per contribuire a riportare la calma e risolvere questo problema in modo sostenibile”, indica il movimento. Cudis ricorda che questo conflitto, che risale a diversi anni fa, con determinanti multifattoriali, ha conosciuto in passato “esplosioni ricorrenti, talvolta fatali”, e costituisce una minaccia latente al modello di convivenza senegalese. L’organizzazione invita “le parti in conflitto a riunirsi, a mostrare auto-miglioramento e a favorire le loro affiliazioni comuni e gli insegnamenti islamici di pace e fraternità affinché la calma e la serenità ritornino molto rapidamente nella località”. La Cudis, che comprende personalità legate ai soggetti interessati, “riafferma la sua forte volontà” di avviare procedure di conciliazione e di sostenere qualsiasi altro approccio in questa direzione.

Come Cudis, anche il Consiglio nazionale degli imam e degli ulema del Senegal (Cnios) ha espresso “la sua profonda preoccupazione per i recenti scontri avvenuti a Medina Gounass. Un’occasione per formulare alcune raccomandazioni per andare verso un allentamento delle tensioni. “Incoraggiamo l’apertura di un dialogo inclusivo tra le parti interessate a Medina Gounass per trovare soluzioni pacifiche e durature. Siamo pronti a offrire la nostra mediazione per facilitare queste discussioni. Si ricorda che lunedì 17 giugno, subito dopo la preghiera dell’Eid El Kebir o Tabaski, intorno alle 11, sono scoppiati sfortunati incidenti tra i fedeli di Thierno Amadou Tidiane Ba, il califfo generale di Madina Gounass e (quelli ) di Thierno Mounirou Baldé , califfo di Médinatoul Houda, l’altro nome di Madina Gounass. Inizialmente erano stati segnalati 2 decessi, ma il comunicato stampa dei parenti di Thierno Amadou Tidiane Ba limita il numero a 1 decesso.

M DIENG

-

PREV Lancio della prima carta archeologica nazionale del Marocco
NEXT Concerto dell’Orchestra Nazionale dell’Ile-de-France