Meno di 400.000 immigrati temporanei in Quebec, secondo il ministero di Marc Miller

Meno di 400.000 immigrati temporanei in Quebec, secondo il ministero di Marc Miller
Meno di 400.000 immigrati temporanei in Quebec, secondo il ministero di Marc Miller
-

Immigration, Refugees and Citizenship Canada (IRCC) afferma che il Quebec ha meno di 400.000 residenti non permanenti (NPR) e non 600.000 come attesta Statistics Canada.

La differenza tra i due dati si spiega con l’utilizzo di metodologie diverse per valutare la presenza di immigrati temporanei nel Paese.

Ma questi dati si inseriscono anche in una battaglia politica in pieno svolgimento tra Quebec e Ottawa, dove le due capitali non concordano sulle azioni da intraprendere per moderare l’afflusso di RNP nella provincia.

Il governo di François Legault, che utilizza i dati di Statistics Canada per misurare l’entità del fenomeno, chiede una serie di azioni federali nella speranza di ridurre del 50% la presenza di immigrati temporanei sul territorio del Quebec orizzonte di un anno.

Ma il ministro Marc Miller, a chi IRCCritiene che il signor Legault esagerato e accusa quest’ultimo di rompere lo zucchero sulle spalle degli immigrati. La situazione è meno drammatica di quanto sembri, ha detto, riferendosi ai dati prodotti dal suo ministero, più precisi, secondo lui, di quelli di Statistics Canada.

Una differenza sostanziale

Presentati giovedì per la prima volta, i dati diIRCC indicano che il Quebec aveva, al 31 marzo, 388.989 immigrati temporanei sul suo territorio, inclusi 96.021 richiedenti asilo.

Tali risultati contrastano con i dati diffusi mercoledì da Statistics Canada, secondo i quali la provincia ospitava 597.140 persone nella stessa data. RNPdi cui 189.962 richiedenti asilo.

Inizio del widget di Twitter. Saltare il widget?Fine del widget di Twitter. Tornare all’inizio del widget?

Secondo le spiegazioni fornite da IRCCla differenza deriva in particolare dal fatto che il ministero tiene conto delle migrazioni interprovinciali dei richiedenti asilo che hanno presentato la loro richiesta in Quebec – all’aeroporto di Montreal-Trudeau, per esempio – prima di stabilirsi in un’altra provincia.

Ciò sarebbe dovuto anche al fatto che i richiedenti asilo che hanno vinto la loro causa conservano il loro status più a lungo in Quebec che altrove in Canada, secondo i dettagli forniti mercoledì da Marc Miller, 24 ore prima che fossero rivelati i dati del suo ministero.

000, stanno aspettando il certificato di selezione del Quebec[CSQ]”,”text”:”I livelli fissati dal Quebec [en matière d’accueil de réfugiés] garantire che queste persone, circa 40.000, siano in attesa del certificato di selezione del Quebec[CSQ]”}}”>I livelli fissati dal Quebec [en matière d’accueil de réfugiés] garantire che queste persone, circa 40.000, siano in attesa del certificato di selezione del Quebec [CSQ]Lui ha spiegato.

Aspettando, sono conteggiati come immigrati temporaneimentre nel resto del paese, CSQ”,”text”:”queste persone hanno [tout de suite] residenza permanente, non dovranno attendere il CSQ”}}”>queste persone hanno [tout de suite] la loro residenza permanente, non hanno bisogno di aspettare la loro CSQha continuato il signor Miller.

Apri in modalità a schermo intero

La maggior parte dei residenti non permanenti in Quebec hanno un permesso di lavoro, concordano l’IRCC e Statistics Canada. Ciò è particolarmente vero per i lavoratori stranieri temporanei che si riversano nella provincia per lavorare nel settore agricolo durante l’estate.

Foto: Radio-Canada / Ivanoh Demers

A differenza dei dati di Statistics Canada, quelli diIRCC sono particolari anche in quanto non prendono in considerazione le famiglie che accompagnano i titolari di permesso di lavoro e di permesso di studio, abbiamo osservato.

Le due fonti di dati non sono del tutto comparabiliha ammesso giovedì il Ministero nella sua comunicazione, precisando che i suoi funzionari erano al lavoro in collaborazione con Statistics Canada Per allineare le loro figure.

Con informazioni di Romain Schué

-

PREV Trailer di Il prigioniero di Bordeaux, con Isabelle Huppert e Hafsia Herzi.
NEXT quote di partecipazione alle 17 a Meurthe-et-Moselle, Mosella, Vosgi e Mosa