Il Marocco tra i primi sei importatori mondiali nel 2024

Il Marocco tra i primi sei importatori mondiali nel 2024
Il Marocco tra i primi sei importatori mondiali nel 2024
-
Si prevede che le importazioni di grano del Marocco aumenteranno in modo significativo del 19% nel 2024, raggiungendo i 7,5 milioni di tonnellate, secondo le recenti previsioni della FAO. Questo aumento mira a compensare un raccolto nazionale fortemente ridotto, collocando così il Regno al sesto posto nel mondo tra gli importatori di grano.

Nel suo rapporto sulle prospettive alimentari mondiali, la FAO precisa che questo aumento delle importazioni marocchine costituirà una parte significativa dell’aumento complessivo della domanda di importazioni in Africa, che dovrebbe crescere del 2,2% per raggiungere la cifra record di 55,6 milioni di unità. tonnellate.

Drastico calo della produzione nazionale

Secondo le stime della FAO, la produzione di grano in Marocco dovrebbe diminuire di quasi il 40% rispetto allo scorso anno, stabilizzandosi a un livello inferiore alla media di 2,5 milioni di tonnellate. Questo calo della produzione nazionale si inserisce in un contesto di stagnazione della produzione mondiale di grano, prevista a 787 milioni di tonnellate, in leggero calo dello 0,1% rispetto alla campagna precedente. Questa stagnazione globale è dovuta principalmente al calo dei raccolti nell’Unione Europea, in Ucraina, Turchia, Regno Unito e Irlanda del Nord.

Siccità e condizioni climatiche nel Nord Africa

Il rapporto della FAO evidenzia che la significativa carenza di precipitazioni e le alte temperature hanno gravemente colpito i raccolti di grano in Nord Africa. Mentre si prevede che la produzione algerina rimanga stabile, si prevede che la Tunisia registrerà un leggero aumento della produzione. In Egitto, dove il raccolto del grano è meno dipendente dalle precipitazioni, la produzione dovrebbe mantenersi vicina agli elevati livelli dell’anno precedente, senza però impedire al Paese di restare il primo importatore di grano a livello mondiale.

L’aumento delle importazioni di grano in Marocco ha implicazioni economiche significative. Secondo la FAO, ciò riflette la necessità del Paese di garantire le proprie forniture alimentari nonostante le condizioni climatiche sfavorevoli. Questa situazione evidenzia anche l’importanza di sviluppare strategie sostenibili per rafforzare la resilienza agricola e ridurre la dipendenza dalle importazioni.

-

PREV 14 luglio: la Repubblica festeggia!
NEXT Fuochi d’artificio del 14 luglio a Tolosa: “Non possiamo sbagliare”… Dietro le quinte dell’installazione sulla Garonna