Festival musicale. Alcol, fuochi d’artificio, prodotti chimici… i divieti nella Senna Marittima?

Festival musicale. Alcol, fuochi d’artificio, prodotti chimici… i divieti nella Senna Marittima?
Festival musicale. Alcol, fuochi d’artificio, prodotti chimici… i divieti nella Senna Marittima?
-

Di

Muriel Bouchard

pubblicato su

19 giugno 2024 alle 19:34

Vedi le mie notizie
Segui 76actu

250. Questo è il numero di agenti di polizia e gendarmi che sarà mobilitato venerdì 21 giugno 2024 in occasione del festival musicale Seine-Maritime. E il prefetto in un comunicato diffuso mercoledì 19 precisa che ci sarà anche” rinforzo dei vigili del fuoco su tutti i centri antincendio e di soccorso. »

Per preservare” sicurezza e tranquillità pubblica, il prefetto della Senna Marittima ha emanato tre decreti applicabili all’intero dipartimento. »

Alcol, fuochi d’artificio, bottiglie, prodotti chimici

Questi tre decreti stabiliscono quanto segue:

  • Divieto temporaneo del consumo o del possesso, sulle strade pubbliche e sul suolo pubblico, di ttutte le bevande alcoliche e alcoliche nel dipartimento della Senna Marittima da venerdì 21 giugno 2024 alle 12:00 a sabato 22 giugno 2024 alle 10:00;
  • vendita e utilizzo di fuochi d’artificio le cosiddette animazioni nel dipartimento della Senna Marittima sono vietate anche da giovedì 20 giugno 2024, alle 19:00 a domenica 23 giugno 2024, alle 10:00;
  • Divieto di trasporto vistoso e di circolazione sulle strade pubbliche bottiglie o lattine contenenti prodotti chimici, infiammabili o esplosiviin forma liquida, solida o gassosa (benzina, acido cloridrico, acido solforico, soda, clorato di sodio, alcool denaturato e solventi) e carburante agli utenti in forma confezionata (taniche, lattine, ecc.) da giovedì 20 giugno 2024, 7 a domenica 23 giugno 2024, ore 10:00

Segui tutte le notizie dalle tue città e media preferiti iscrivendoti a Mon Actu.

-

PREV I Giochi Olimpici di Parigi 2024 saranno a zero emissioni di carbonio?
NEXT Progetti sociali e di sviluppo nelle regioni montuose di Beni Mellal – Oggi Marocco