Il Canada elenca il Corpo delle Guardie Rivoluzionarie Islamiche come gruppo terroristico

Il Canada elenca il Corpo delle Guardie Rivoluzionarie Islamiche come gruppo terroristico
Il Canada elenca il Corpo delle Guardie Rivoluzionarie Islamiche come gruppo terroristico
-

Questo gruppo è in particolare accusato di fornire assistenza militare e finanziaria a Hamas.

Secondo diverse fonti vicine ai negoziati, l’annuncio dovrebbe essere fatto questa settimana. Le discussioni sono ancora in corso e i dettagli non sono stati definiti.

Quando un gruppo viene inserito nell’elenco delle organizzazioni terroristiche, la polizia può incriminare chiunque sostenga finanziariamente o materialmente tale entità. Questo sistema, creato dopo gli attentati dell’11 settembre 2001, conta finora 78 organizzazioni, tra cui Hamas, Hezbollah, Boko Haram, Al-Qaeda, i talebani e il gruppo di estrema destra Proud Boys.

Da anni si levano diverse voci per collocare il Corpo delle guardie rivoluzionarie islamicheIRGC sulla lista delle organizzazioni terroristiche, tra cui l’Associazione delle vittime del volo PS752, membri della comunità iraniano-canadese, il Partito conservatore e il Nuovo Partito DemocraticoNDP. I deputati hanno votato all’unanimità il mese scorso in tal senso.

Il governo aveva già adottato misure ai sensi della legge sull’immigrazione e la protezione dei rifugiati (IRPA) per vietare ai membri chiave dell’immigrazione Corpo delle guardie rivoluzionarie islamicheGRI per entrare in Canada.

Queste misure erano state annunciate un anno fa per denunciare la repressione attuata dalle autorità iraniane contro il movimento di protesta lanciato nel settembre 2022 in seguito alla morte di Mahsa Amini, una giovane curda iraniana di 22 anni morta durante la sua detenzione a Teheran dopo essere stata arrestato perché indossava un velo inadeguato.

Maggiori dettagli in arrivo

#Canada

-

PREV Per le riprese tra Dinan e Saint-Malo sono necessarie delle comparse dai 7 ai 60 anni
NEXT la parte più difficile è finita? “Stiamo andando verso un riequilibrio del mercato”