Alloggiamento | Depositi illegali, ma richiesti da alcuni proprietari

Alloggiamento | Depositi illegali, ma richiesti da alcuni proprietari
Alloggiamento | Depositi illegali, ma richiesti da alcuni proprietari
-

Mentre ci avviciniamo a 1ehm Luglio, i proprietari non esitano a richiedere un deposito illegale sulle piattaforme di annunci economici. Con la crisi immobiliare, alcuni inquilini si sentono obbligati a pagare una tale somma per poter trovare un alloggio, denunciano i comitati per l’edilizia abitativa di Montreal.


Pubblicato alle 00:58

Aggiornato alle 5:00

La stampa hanno contato 59 offerte di alloggi in cui i proprietari hanno chiaramente avanzato richieste illegali agli inquilini. Per ottenere questo risultato, abbiamo cercato per un pomeriggio le offerte della Grande Montreal presenti sulle piattaforme Kijiji e Facebook Marketplace durante la settimana del 10 giugno.

Sul Marketplace di Facebook, un appartamento con due camere da letto e un bagno è in affitto per $ 2.095 al mese. L’appartamento è molto moderno, situato sul Plateau Mont-Royal. L’alloggio è comprensivo di elettrodomestici. Deposito richiesto: $ 1500.

Sul Marketplace di Facebook è pubblicato un 5 ½ in affitto a Saint-Laurent al costo di $ 2.500 al mese. I banconi sono un po’ datati, ma il resto dell’appartamento è moderno, osserva La stampa Sulle foto. L’alloggio è vicino ad alcune linee di autobus, ma non alla metropolitana. “Deposito cauzionale richiesto”, è indicato in bianco e nero nell’offerta di alloggio.

Questi sono solo alcuni esempi di richieste effettuate dai proprietari sui siti di annunci immobiliari. Quattro dei cinque proprietari contattati sull’argomento non hanno risposto ai messaggi inviati. Una ha detto che non era a conoscenza che fosse illegale e ha cambiato l’offerta poco dopo.

Pagare per garantire l’alloggio

“È incredibile come i proprietari abbiano la parte più corta del bastone”, si lamenta Benjamin Ahier. L’uomo di 55 anni che lavora al porto di Montreal afferma di aver dovuto pagare tre mesi di affitto in anticipo nel 2023 per ottenere il suo alloggio, che occupa dall’anno scorso. “Mi è costato quasi $ 10.000”, dice.

Per lui, pagare questo deposito era un modo per garantirsi l’alloggio.

Se non lo faccio io, lo farà quello dopo di me.

Benjamin Ahier

Richiedere un deposito per garantire l’integrità degli alloggi è illegale in Quebec. Ma si tratta di una pratica autorizzata nel resto del Canada e negli Stati Uniti, indica la Corporazione dei proprietari immobiliari del Quebec (CORPIQ). Tuttavia, gli inquilini hanno il diritto di offrire volontariamente un deposito, se lo ritengono necessario.

Il proprietario può tuttavia richiedere il pagamento anticipato della prima mensilità, una volta firmato il contratto.

Una fonte di disuguaglianza

“ [Les locataires] avrà un disperato bisogno di avere un appartamento, quindi metterà consapevolmente da parte il fatto che si tratta di una richiesta illegale e accetterà di pagare”, osserva Angel Sun-Veilleux, che lavora presso il comitato abitativo POPIR, che difende gli interessi degli inquilini del quartiere Saint- Henri.

“Chi spera di trovare un alloggio si rende conto ben presto che ciò significa pagare un acconto o non avere un alloggio”, sottolinea Margaret van Nooten, relatrice del comitato abitativo di Genèse, nella Côte-des-Neiges. Quest’ultimo rileva un aumento di questo tipo di pratica tra i proprietari.

Non è raro che gli inquilini debbano pagare tre mesi di affitto in anticipo per firmare un contratto di locazione.

Margaret van Nooten, relatrice del comitato abitativo Genesis

Margaret van Nooten ritiene che i depositi volontari siano “una fonte di disuguaglianza”, poiché alcuni inquilini possono permettersi di offrire un deposito volontariamente, mentre altri no.

Questa è una realtà che colpisce ancora più duramente i nuovi arrivati, che spesso non hanno nessuno che possa garantirli o che non hanno una storia creditizia.

Questi nuovi arrivati ​​devono quindi trovare una caparra o versare una caparra, spiega Me Julien Delangie, avvocato specializzato in diritto immobiliare. “Si trovano di fronte a una scelta che non è tale”, spiega.

Me Delangie non ha notato un aumento di questo fenomeno tra i suoi clienti. “È raro, sfortunatamente, che le persone si rivolgano a un avvocato dopo questo”, ha detto. Precisa che molti inquilini hanno paura di far valere i propri diritti, per paura di offuscare la loro immagine agli occhi dei futuri proprietari.

Legalizzare il deposito

Alla domanda sui depositi richiesti per affittare un alloggio, CORPIQ ha affermato che “non consiglia ai suoi membri di richiederne uno ai potenziali inquilini”.

CORPIQ precisa, tuttavia, che il deposito può consentire a un inquilino di “rassicurare” il proprio proprietario, nel caso in cui l’inquilino non abbia una storia creditizia o che il proprietario abbia preoccupazioni riguardo al deterioramento dell’alloggio.

Per la Quebec Owners Association (APQ), il deposito dovrebbe essere reso legale in Quebec. “Il problema è che la legge non lo consente”, afferma Martin Messier, presidente dell’APQ. Quest’ultimo ritiene che se un inquilino ha bisogno di recuperare una cauzione, può benissimo farlo rivolgendosi al Tribunale amministrativo dell’edilizia abitativa.

Spiega che i motivi che spingono un proprietario a chiedere tali somme sono molteplici, ma cita in particolare la negligenza e i danni causati dagli animali.

Cosa è consentito?

  • Il proprietario ha il diritto di richiedere il primo mese di affitto al momento della firma del contratto.
  • La discriminazione basata sullo “status sociale” di qualcuno è illegale. Un proprietario non può rifiutare uno studente o un nuovo arrivato solo su questa base.
  • È vietata la cauzione richiesta per garantire l’integrità dell’arredamento o semplicemente per ospitare un animale.

-

PREV Oshae Brissett rinuncia alle Olimpiadi • Basket USA
NEXT Concerto dell’Orchestra Nazionale dell’Ile-de-France