Tre adolescenti sospettati di stupro antisemita

Tre adolescenti sospettati di stupro antisemita
Tre adolescenti sospettati di stupro antisemita
-

Uno ha 12 anni, gli altri due 13 anni. Appena usciti dall’infanzia, questi tre minorenni vengono coinvolti in un caso tanto grave quanto atroce. Secondo le nostre informazioni, sono sospettati di aver aggredito e violentato sabato pomeriggio una ragazzina di 12 anni a Hauts-de-Seine. Circostanza aggravante: avrebbero aggredito la vittima, che è ebrea, a causa della sua religione.

Come rivelato Il parigino, l’adolescente, accompagnata dai suoi genitori, ha sporto denuncia poche ore dopo i fatti al commissariato di polizia di Courbevoie. Secondo la sua testimonianza, era andata in una piazza della città con il suo ragazzo quando si sono imbattuti nei sospettati. Conosce bene uno di loro con il quale ha avuto una relazione. I tre ragazzi l’hanno poi portata in un capannone abbandonato, che in precedenza ospitava un asilo nido. Lì l’avrebbero picchiata e violentata. Avrebbero anche pronunciato insulti antisemiti.

Vendetta in un contesto di antisemitismo

La procura di Nanterre ha aperto un’indagine affidata, il giorno dopo i fatti, alla brigata territoriale di protezione della famiglia dell’Hauts-de-Seine. La polizia ha rapidamente identificato i sospettati, originari di Rueil-Malmaison, e li ha arrestati lunedì, a metà giornata. I due più grandi sono stati posti in custodia di polizia, mentre il più giovane in detenzione.

Sempre secondo Il parigino, l’ex fidanzato della vittima, di 12 anni, ha detto agli investigatori che voleva vendicarsi della giovane ragazza che gli avrebbe nascosto la sua religione ebraica. Secondo quanto riferito, uno dei suoi amici ha dichiarato di aver attaccato la vittima a causa delle sue posizioni sul conflitto israelo-palestinese.

Informazioni giudiziarie aperte

Martedì è stata aperta un’indagine giudiziaria “in particolare per stupro aggravato, violenza sessuale aggravata, tentata estorsione, violazione della privacy, minacce di morte, violenza e insulti, questi ultimi due reati aggravati dalla loro commissione a causa dell’affiliazione della vittima ad una religione”, indica a 20 minuti Procura di Nanterre.

I tre avrebbero dovuto essere presentati questo martedì pomeriggio al giudice istruttore. L’accusa ha chiesto la custodia cautelare “per i minori che potrebbero essere incarcerati”.

-

PREV Grand Périgueux: La prevenzione, la chiave per evitare l’annegamento dei bambini
NEXT Vieni, ti porto… scopri la guida realizzata da Simon Labussière!