Giustizia nel Vaud orientale: avvocato catturato per frode

-

Avvocato condannato per aver frodato il suo cliente

Pubblicato oggi alle 17:59

Iscriviti ora e goditi la funzione di riproduzione audio.

BotTalk

Questi casi sono rari, ma capita che gli avvocati cerchino di sfruttare la vulnerabilità dei clienti che non hanno familiarità con i loro usi. È quello che è successo a una donna vodese che ha dovuto pagare una fattura di 6’000 franchi per il suo avvocato, nonostante fosse pagata con il gratuito patrocinio. L’indelicato è stato appena condannato dalla Procura della Repubblica per truffa.

L’avvocato è stato nominato d’ufficio nel 2024 a fianco di questo cliente nell’ambito del procedimento civile. Il tribunale distrettuale di Losanna ha concesso assistenza legale, vale a dire il pagamento di anticipi sulle spese e sulle spese di consulenza legale da parte dello Stato. Questi aiuti dovrebbero consentire a tutti di accedere alla giustizia e potranno poi essere rimborsati in rate mensili.

Commissioni indebite

Una volta chiusa la procedura, l’avvocatessa fu sollevata dal suo incarico e il suo compenso fu fissato in 1017 fr. 75, le era stato versato nel luglio 2022. Solo che nel frattempo aveva inviato al suo cliente una fattura di 6.000 franchi, accompagnata da una email in cui sottolineava: «La tariffa applicata è quella dell’Assistenza Legale di 180 franchi . invece di 350 fr. Noterai inoltre che ti concedo uno sconto, per favore, di 600 franchi. Tenuto conto delle operazioni effettuate e dell’esito più che favorevole del contenzioso nonché della durata delle trattative, ritengo congruo l’importo dei compensi.

La cliente aveva pagato l’importo prima di rendersi conto di essere stata ingannata. Le sue richieste di rimborso non hanno avuto successo e lei ha finito per sporgere denuncia.

Una truffa, secondo la Procura della Repubblica dell’Est del Canton Vaud: non solo la fattura era superflua, ma era ampiamente sopravvalutata e il distico della tariffa preferenziale costituiva un inganno, facendo credere alla vittima di beneficiare di un trattamento preferenziale. L’avvocato è stato condannato a 60 giorni di multa e 100 franchi, una pena dura poiché l’interessato non ha collaborato alle indagini e non ha risposto ad alcuna richiesta dell’autorità.

In tal caso, il Pubblico Ministero si adegua all’articolo 75 comma 4 del codice di procedura penale che prevede, per alcune professioni, la possibilità di informare l’autorità disciplinare. Nel caso dell’avvocato, «tutti i reati – ad eccezione delle infrazioni al codice della strada – formano oggetto di una comunicazione alla Camera degli avvocati del Tribunale cantonale”, informa Vincent Derouand, portavoce dell’opinione pubblica vodese. Procura. Potrebbe quindi essere irrogata una sanzione disciplinare, quale la sospensione temporanea. Un famoso avvocato locale è stato licenziato dall’Ordine nel 2020 per azioni simili.

Notiziario

“Ultime notizie”

Vuoi restare aggiornato sulle novità? “24 Heures” ti propone due appuntamenti al giorno, direttamente nella tua casella di posta elettronica. Per non perderti nulla di ciò che accade nel tuo Cantone, in Svizzera o nel mondo.

Altre newsletter

Per accedere

Flavienne Wahli Di Matteo è editorialista giuridica presso la rubrica 24 ore di Vaud e regioni, dove è entrata nel 2012. In precedenza ha lavorato nelle rubriche locali di diversi media della stampa scritta, della radio e della televisione. Più informazioni

Hai trovato un errore? Segnalacelo.

0 commenti

-

PREV Lézat-sur-Lèze. Alla scoperta di Pau e del castello di Mauvezin
NEXT Concerto dell’Orchestra Nazionale dell’Ile-de-France