Presentata denuncia dopo il suicidio di un dipendente dell’HUG

Presentata denuncia dopo il suicidio di un dipendente dell’HUG
Presentata denuncia dopo il suicidio di un dipendente dell’HUG
-

Dopo il suicidio di un dipendente dell’HUG sul posto di lavoro lo scorso marzo è stata sporta una denuncia penale, riferisce la Tribune de Genève. La famiglia del defunto denuncia il mobbing che ha dovuto subire dopo una denuncia per commenti inappropriati nei confronti di un collega. Sofferenza psicologica che la porta a porre fine alla sua vita.

All’età di 62 anni, questo dipendente dell’HUG da quasi 40 anni ha concluso la sua vita gettandosi dal tetto dell’HUG. Era lo scorso marzo. Nell’ottobre 2023, è stato convocato dal suo management per commenti inappropriati di carattere sessuale nei confronti di un collega. Una situazione che vive male e che lo spinge a consultare uno psichiatra. “Aveva lavorato per 40 anni all’HUG, una carriera scandita da nessun elemento tale da mettere in discussione la sua integrità, era amato dai suoi colleghi, questo colloquio di servizio è stato per lui uno shock notevole” sostiene l’avvocato della famiglia del defunto , Maître Mathieu Jacquerioz.

Una detrazione dal suo stipendio

Alla fine di dicembre 2023, l’HUG informa il dipendente che il suo stipendio sarà ridotto di due pagamenti annuali. Nonostante un ricorso alla Camera amministrativa, ha provato a tornare al lavoro nel marzo di quest’anno, ma il suo disagio era troppo profondo. “Ha ammesso la sua colpa nei confronti di un collega, si è scusato, ma ha contestato le accuse contro di lui, ha chiesto che i suoi colleghi potessero essere ascoltati, cosa che non è stata seguita dai fatti” precisa il maître Mathieu Jacquérioz.

L’HUG afferma di aver rispettato la procedura

Dopo un ultimo incontro con i suoi superiori, invia messaggi di addio e pone fine alla sua vita. La famiglia del defunto accusa l’HUG di non averlo sostenuto e di avergli imposto sanzioni nonostante il suo fragile stato psicologico. L’ospedale cantonale si rifiuta di commentare, ma precisa che tutte le procedure sono state rispettate:

“In caso di sofferenza psicologica viene fornito supporto psicologico. Se viene rilevato un disagio, viene effettuato un arresto al Servizio di medicina del lavoro. La gerarchia gioca un ruolo chiave in questo tipo di situazioni, così come le risorse umane e il Servizio Tutela della Personalità.

È stata sporta denuncia penale alla Procura della Repubblica.

#Swiss

-

PREV RUGBY. COPPA CAMPIONI 2024/2025. LE PISCINE CONOSCIUTE: Gli Squali per Tolosa, Leinster per La Rochelle
NEXT Concerto dell’Orchestra Nazionale dell’Ile-de-France